Passa ai contenuti principali

BDC Eventi:l'altra faccia della moda

Bdc Eventi
Chi l’ha detto che si debba per forza usare stoffa, meglio se pregiata, per realizzare degli abiti?
Noi compriamo abiti, ci vestiamo, secondo una convenzione comune, secondo la moda che vede come materiale principale la stoffa.
Proviamo però a cambiare punto di vista.

Cominciamo a guardarci intorno e a guardare con occhi diversi quello che ci circonda. Pensiamo a quanta carta, a quanta plastica, gettiamo via, spesso neanche nel modo più appropriato, e poniamoci una domanda. Cosa si potrebbe realizzare, di bello e prezioso con gli scarti?

Attenzione, non parlo di oggetti destinati anch’essi a diventare, dopo poco, scarti. Ho in mente qualche cosa, che si possa usare a lungo, che possa essere indossato: un vestito, ad esempio.
Non pensate, che non possa esistere un vestito con queste caratteristiche e che non ci sia un’intera linea di vestiti realizzati con materiale di riciclo.
Esiste eccome! E la stilista, che ha creato questa linea di abiti, è la signora Roberta Marina Mucci.
La signora Roberta, oltre ad essere una stilista, è anche la presidentessa di BDC Eventi, associazione culturale che realizza eventi nei quali arte, ambiente, cultura e musica si incontrano con lo scopo di promuovere l’educazione ambientale.
Per me è stato un piacere poter parlare con la signora Roberta e non vedo l’ora di poterla conoscere di persona per poter ammirare da vicino i suoi capi.
Intanto mi sono accontentata di parlare con lei al telefono e di rivolgerle alcune domande.

Come si diventa stilita?
Io mi definisco più creatrice che stilista.
Tutto nasce dal voler creare qualche cosa per far arrivare il messaggio dell’educazione ambientale. Ho avuto l’idea di creare un abito e di presentarlo a Sotto al Tevere insieme a un mio amico giornalista e da lì, dal 2011, è cominciato un percorso. Abbiamo partecipato a tanti eventi, toccando tante provincie e comuni del Lazio.

Quale è il progetto che sta alla base di BDC Eventi?
L’obiettivo è quello di sensibilizzare i cittadini sull’educazione e sui problemi ambientali. Per questo motivo organizziamo dei laboratori, nei quali chi vuole partecipare realizza degli oggetti e dei vestiti con dei materiali, che normalmente finiscono nella pattumiera, tipo carta e plastica.
Cerchiamo anche di far scoprire ai giovani il mondo della moda, organizzando i laboratori nelle scuole.
Siamo, poi, in giro nelle piazze principali dei paesi del Lazio con il nostro Ecologic Tour.
collage ecologic tour
Quali tecniche si usano per realizzare i vostri vestiti? Sono solo tecniche sartoriali o c’è dell’altro?
Organizziamo molti laboratori anche nelle scuole. Il punto di partenza sono i materiali, da lì si parte e si sperimenta. L’importante è mettere a disposizione i materiali giusti.
Nei laboratori facciamo usare spillatrici, forbici e colla a caldo. Nelle scuole non facciamo usare la colla a caldo. Diamo poche indicazioni, è la fantasia di chi partecipa ai laboratori che fa la differenza.
Tutto viene al momento e non c’è niente di studiato.

Come è l’approccio dei bambini e dei ragazzi sul tema del riciclo?
Già partono da una base di buona educazione ambientale. Noi mettiamo in pratica la loro fantasia.

Cosa vuol dire riciclare?
Avere un buon futuro per le prossime generazioni penso che sia un obiettivo, non solo nostro, ma comune a molti. 
Bisogna cercare di avere una buona vita per il futuro. Questo obiettivo si può realizzare, non sprecando le risorse, che abbiamo e riutilizzando ciò che all’apparenza può sembrare spazzatura. 
Dbc eventi 6
A Roma avete di recente sfilato a via Margutta come è stata l’esperienza?
Molto bella e particolare. Abbiamo sfilato per le strade di via Margutta, partendo da Area Contesa Arte, e da Via del Babbuino. E’ stata una bellissima esperienza,  abbiamo attirato anche l’attenzione di molti turisti. 
Dbc Eventi 4
Avete delle linee di abiti, che portate nelle vostre sfilate?
Sì, abbiamo una linea di abiti da sposa. I nostri abiti sono assolutamente portabili e a un primo colpo d’occhio non sembrano neanche realizzati con materiale di riciclo. 
collage bdc sposa
Quali sono i progetti futuri?
Io mi immagino che in tutte le scuole vengano effettuati questi laboratori e portare sulle piazze importanti i risultati del nostro lavoro.
Cerchiamo di far aderire anche le aziende, cercando di intercettare i loro scarti, come ad esempio i loro volantini pubblicitari e cercando di farli partecipare.
Ad esempio una azienda di prato vivo pronto ci ha fornito i suoi scarti e con quelli abbiamo creato una linea di abiti indossabili. 
ecologic tour
Quali sono i vostri prossimi appuntamenti?
Dati certi non ne abbiamo, perché stiamo aspettando risposte dalle scuole di Fiumicino e Colleferro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.