Passa ai contenuti principali

Antonio Malaspina: quando la grafica diventa un'arte

Ci sono, nella limonaia piccola di Giardino Corsini, tanti personaggi fantastici colorati e che attirano subito la mia attenzione. Sembra di entrare in un libro di favole. Ogni personaggio, ogni serigrafia, richiede a gran voce una storia.
Io me lo immagino, il signor Somaro, che se ne va in giro nel paese dalle casette rosse a dispensare consigli. Ce l’ha, secondo me, la faccia del saputello. Oppure la signora Gallina, che trasporta il suo preziosissimo uovo d’oro nel suo nascondiglio, per poterlo covare in pace lontano dai pericoli.
E di storie così se ne potrebbero immaginare e scrivere tante.
Quando ho smesso di sognare a occhi aperti e ho smesso di inventare storie, ho cercato l’autore delle serigrafie per poter scambiare due parole con lui e per potermi far raccontare un po’ della sua storia e della storia dei suoi personaggi.
L’ho trovato intento a rilegare a mano un suo libro.
Si chiama Antonio Malaspina ed è un giovane stampatore artigiano.

Antonio Malaspina cura l’immagine grafica dalla fase di elaborazione fino alla realizzazione del prodotto finito. Tra i suoi committenti ci sono artisti o privati e i suoi lavori  vanno dall’editoria di pregio in tiratura limitata a lavori ad ampia diffusione, come la creazione di loghi, l’impaginazioni di cataloghi, brochure e gadget.



Come e quando nasce la passione?
La passione nasce quasi undici anni fa nell’ambito della grafica.

Come si diventa grafico?
Io ho fatto l’Accademia di Belle Arti a Urbino. Poi sono venuto qui a Firenze, dove ho continuato a studiare. Il mio è un percorso di studio lungo quanto è la mia passione.

Ci spieghi, brevemente, cosa è la serigrafia?
La serigrafia è un processo di stampa, che ti permette di stampare su tutti i tessuti e su tutti i materiali, come il legno e i metalli.  Io lavoro sia su commissione. È una tecnica con la quale ci si può divertire.
I disegni sono i tuoi?
I disegni sono miei. Mi piace raccontare storie. Ultimamente, negli ultimi quattro - cinque anni, ho preparato anche libri.
Che storie racconti?
Io mi occupo sempre delle immagini. Quando creo libri, cerco di collaborare con poeti, che diano voce alle mie immagini.
Hai mai provato ad avvicinarti ai silent books? Hai mia provato a farne uno?
Sì, ho provato. È stata una bella sfida.

C’è un tipo di lavorazione, che prediligi, all’interno della serigrafia?
Come tecnica grafica puoi giocare molto con i colori. I colori sono la mia passione.

Come scegli questi colori? Quali sono i colori predominanti e perché?
Dipende.  L’importante è che stiano insieme armonicamente.
Ti è mai capitato, dopo qualche tempo, di non riconoscere come tua una tua opera?
Non riconoscere, non del tutto. Quando rivedo i miei lavori, anche i più vecchi, trovo sempre delle chiavi di passaggio e delle evoluzioni.

Che cosa c’è di te nelle tue opere?
Tanto. Io poi sono sempre critico con me stesso.

Come si unisce creatività e lavoro su commissione?
Si cerca di parlare con il cliente e si cerca di capire le sue idee. La creatività poi è nell’utilizzo della tecnica.

Cosa hai preparato per Artigianato e Palazzo per il tema fiori d’arancio?
Io ho pensato alla casa come punto di unione tra gli sposi.
IMG_2760 Antonio Malaspina
Ho preparato questi porta confetti realizzati con caratteri mobili. La casa è tutta a incastro, non c’è bisogno né di colla né di nastro adesivo.

Commenti

  1. Epperò!!!! Quando uno è bravo è bravo eh....

    RispondiElimina
  2. Praticamente quello che faccio io, solo che Antonio ne ha fatto una professione. Gran bei lavori. Da tenere in considerazione per il mio libro 😊😜
    Dove lo trovo?
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che faccio nel tempo libero, come hobby 😅

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.