Passa ai contenuti principali

Luigi Calvelli: sculture d'autore

Quando è cominciata la mia ricerca della creatività, io avevo ancora l’idea che le posate servissero solo ed unicamente per portare cibo alla bocca. Non immaginavo minimamente che potessero diventare qualcosa di diverso, meno che mai qualche cosa di artistico.
La prima scoperta fu che cucchiai e cucchiaini potessero diventare bellissimi e unici bijoux plasmati dalle abili mani di Teddy. E già la cosa aveva per me dell’incredibile.
Pensare, poi, che le posate potessero diventare vere e proprie sculture era per me inimmaginabile.

Inimmaginabile, dicevo, ma non del tutto impossibile. 
L’incontro con queste particolari sculture e con il loro artefice, Luigi Calvelli, è avvenuto a Via Margutta ad Area Contesa Arte ed è stato amore a prima vista.
Ringrazio il signor Calvelli per essere stato così disponibile a rispondere alle mie domande.

Da dove comincia la sua storia di artista?
Io ho cominciato quando ero ragazzo, mi è sempre piaciuto fare queste cose qui. Crescendo, poi, mi sono accorto che a me piace creare, ma non copiare. Un artista è prima di tutto un grande artigiano e poi è anche un artista.
Ha fatto degli studi particolari per affinare la sua arte?
No, io sono un autodidatta.

Come mai utilizza le posate per le sue opere?
Perché avevo quelle a disposizione.
Mi ricordo che a mia mamma prendevo sempre tre o quattro forchette per provare e sperimentare.
Anche perché io ho cominciato a lavorare il ferro, che a differenza delle posate, che sono composte con una lega, è molto più semplice da saldare. Una sera a cena trovai i cucchiai di legno, perché non c’erano più posate a disposizione.

Quale è il punto in comune tra plasmare il ferro e plasmare un oggetto che già ha una sua forma specifica?
In scultura c’è sempre bisogno di una base e di un progetto. 
Mi può descrivere cosa è secondo lei la creatività?
È la cosa più bella del mondo. Non c’è parola per descriverla. È come la felicità.
Io avrei voluto saper suonare la chitarra, ma non ero portato. Invece ho avuto la fortuna di avere un altro dono.

Le sue sono opere molto d’effetto.
Sono sempre stato dell’idea di voler creare qualche cosa di mio, di particolare.
Anche nella pittura io utilizzo stoffe, sassi e altri materiali, ma le mie opere non sono astratte. A me l’astratto non piace, non mi reputo ancora in grado di farlo. 
L’opera astratta deve sempre avere qualche cosa di particolare ed è molto difficile realizzarne una.
luigi calvelli
Quanto c’è di lei nelle sue opere?
C’è tutto.
Io le penso e le creo, poi sta agli altri giudicare. Io faccio arte, ma non mi intendo di arte. Chi parla di me sono le mie opere e io sono anche contento che possano parlare di me quando ancora sono vivo!

Commenti

Post popolari in questo blog

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.

KLAW. Estote Parati.

Oggi vi voglio raccontare di un giovane cantante e della sua musica.
Klaw (Alberto Amenta), ventiduenne catanese, ha pubblicato il 3 maggio il suo terzo album  "Estote Parati". L'uscita dell'album è stata anticipata dal singolo “Evviva l’Italia”, un brano di denuncia sull'attualità italiana.


E sta già lavorando per le riprese del brano "902.
Estote Parati è un concept album, strutturato, attraverso le canzoni che lo compongono, come un percorso ben preciso, con il profondo bisogno di far uscire fuori le emozioni per inciderle per sempre. La musica è immortale, è per sempre e questa è la sua forza e la sua magia. Per Klaw fare musica vuol dire "vedi che esisto o comunque sono esistito anche io, e sono/ero questo qui, per lasciare una impronta".
E io il disco (sono della generazione dei vinili, passatemi il termine!) l'ho ascoltato, più volte e devo dire che mi ha colpito.
Nel disco, dopo i primi due brani di "apertura", è presente una …

Biosphere. Gioielli contemporanei.

Il giorno in cui ho conosciuto Ezio Procacci a Paratissima me lo ricordo ancora. Erano giorni che giravo intorno al suo stand incuriosita dalle strane forme delle bottiglie di vetro. Erano giorni intensi, quelli, dove ho conosciuto tante persone alcune non le ho mai più risentite, con altre invece continuo, ogni tanto, a essere in contatto.
Il passare degli anni non ha comunque sopito la creatività degli artisti che ho conosciuto lì. Ne è un esempio Ezio con il quale ho avuto uno scambio di messaggi qualche giorno fa.
Il suo attuale progetto, Glass-entropy è molto, molto affascinante.

La creazione del vetro è già un processo incredibile , anche solo se finalizzato alla creazione di un bicchiere, o di un semplice vaso.
E' ancor di più affascinante pensare al processo che sta dietro la realizzazione delle biosphere, microsculture realizzate in vetrofusione.
Poichè ho paura di avventurarmi da sola a parlarvi di un argomento così complesso, delicato e magico, ho chiesto a Ezio Procac…