Passa ai contenuti principali

Carta e Oltre. Oltre i confini della materia


Anche questo, come per Monica Dal Molin, è un incontro avvenuto nei padiglioni della Fiera di Roma, ad Abilmente Primavera.

Da lontano lo spazio espositivo sembrava animato da oggetti di vimini intrecciati. Poi mano a mano che mi avvicinavo la realtà diventava sempre più evidente: la tecnica era sì quella dell'intreccio, ma ad essere intrecciati non erano giunchi di legno, ma cannucce di carta.


Ad accogliermi una delle due padrone di casa, Teresa Marino, che insieme alla sua amica Carla Ottanelli è la fondatrice dell'Associazione Carta e Oltre.
Nel loro laboratorio organizzano corsi di intreccio e producono meraviglie.


La carta è un materiale antico, il più delle volte fragile, quasi inconsistente. Eppure la carta, se sapientemente lavorata, si trasforma, cambia destinazione d'uso, non è più contenitore di parole, ma diventa oggetto che contiene altri oggetti. Diventa forte e resistente.

A Teresa Marino ho chiesto di spiegare come avviene la magia di questa trasformazione partendo dalla domanda, forse, più scontata.

Perché proprio la carta come materiale di base  per le vostre creazioni?
La carta è un po'  nel nostro DNA. La mia famiglia aveva una cartiera e io sono cresciuta in mezzo alla carta, per questo non potevo non considerarla come materia prima delle mie creazioni.

Come e quando nasce la vostra passione?
Io ho cominciato con il cartonage, poi con la mia amica Carla Ottanelli abbiamo fondato l'Associazione Carta e Oltre e abbiamo cominciato a riciclare giornali, per poi applicare al riciclo la tecnica della cesteria classica.


Da giornale a cesto ... quali sono i passaggi fondamentali della lavorazione?
Noi abbiamo la prerogativa di utilizzare giornali puri, non usiamo coloranti, noi andiamo alla ricerca di giornali già colorati (come ad esempio la Gazzetta dello Sport n.d.r.), che con i colori delle loro pagine ci diano le sfumature più adatte al nostro progetto. Quando da una pagina di giornale andiamo a realizzare la cannuccia di carta, la arrotoliamo in modo tale da sfruttarne il bordo.
Utilizzando così cannucce che nella parte esterna hanno solo il bordo della pagina, abbiamo creato una collezione "Primavera-Estate" dai colori tenui e particolari.


Cosa si riesce a realizzare con la tecnica dell'intreccio?
Noi realizziamo oggetti di arredamento, che non siano solamente decorativi, ma che siano anche pratici e utili.
In Fiera, ad esempio, abbiamo portato la nostra linea per l'allestimento della tavola.


Oltre all'arte dell'intreccio, quale altro tipo di lavorazione eseguite con la carta?
Realizziamo gioielli con la carta filata, cioè filiamo la carta con il fuso a mano.
L'idea è nata quando abbiamo cominciato a realizzare gioielli con le cannucce.


Per rendere più raffinati i gioielli avevamo bisogno di un filo sottile realizzato anch'esso con la carta. Così abbiamo provato a filarla con il fuso a mano. E il risultato sono gioielli come questo.



Le vostre creazioni vengono lasciate grezze oppure vengono sottoposte a qualche trattamento?
In genere passiamo uno strato di colla vinilica diluita al 50% con acqua allo scopo di proteggerle, impermeabilizzarle e lucidarle.

Se siete interessati ai corsi proposti dalla Associazione e volete saperne di più...

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg

Uno sguardo su Paola Lusuardi

L'iperrealismo è un movimento artistico nato negli Stati Uniti intorno al 1970, caratterizzato dalla ricerca di riproduzione mimetica della realtà attraverso non solo l’impiego di mezzi fotografici o meccanici, ma anche, e soprattutto, l’abilità esecutiva dell’artista nella raffigurazione delle immagini reali. Oggi vi voglio raccontare l'iperrealismo attraverso le opere di Paola Lusuardi. Quello che mi ha colpito subito quando ho visto i suoi ritratti sono stati gli occhi grandi, limpidi pieni di luce e di profondità .  Occhi che esprimono sensazioni ed emozioni; sguardi e gesti che richiamano la viva realtà della vita. Paola Lusuardi vive e lavora nella città di Correggio (RE).  Artista autodidatta, nel corso degli anni si è specializzata presso l'Accademia di Belle arti di Bologna nell’ambito della riproduzione della figura umana di matrice iperrealista.   Con le sue opere sfida il mito della bellezza, la sua arte figurativa è di grande fascino e i suoi ritratti iperreali