Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Arts and Crafts Market

Antonio De Noia, artigiano del legno

L'olivo è una pianta centrale nella storia delle civiltà, che si affacciano sul bacino del Mediterraneo e di tutto l'Occidente. È stato considerato da sempre come simbolo di pace, di giustizia e di sapienza. Le prime piante selvatiche esistevano sull'isola di Creta fin dal 4000 a.C. I  suoi frutti, le olive, sono impiegate per l’estrazione dell’olio, che è parte fondamentale della cucina mediterranea. L’olivo, però, serve anche ad altro.

Manukalpa e l'arte antica della lavorazione del metallo

Non c'è nulla di più bello di una chiave, finché non si sa che cosa apre. (Maurice Maeterlinck)
Il fabbro è uno di quegli antichi mestieri, di cui con il tempo si è persa l’importanza e la magia. Nella sua fucina si producevano tutti gli attrezzi in ferro per il lavoro agricolo e boschivo. Sulla grossa incudine, con assestati colpi di martello, i fabbri trasformavano il ferro, rendendolo nobile, utile, familiare. Producevano spade e coltelli, armature e corazze, chiodi e ferrature per cavalli, chiavi e utensili vari.

Essere Vento: L'arte della pelletteria

Ho poi incontrato Andrea in più di una occasione e con lui, insieme a Fabiola, abbiamo parlato di artigianato, di OPI e della Associazione Prendi L’Arte, di cui Andrea fa parte e che è nata 12 anni fa da un gruppo di artigiani accomunati dalla voglia di valorizzare il proprio lavoro artistico.Non avevamo, però, avuto modo di parlare del suo lavoro, delle sue creazioni e della sua storia. Era solo questione di tempo, lo sapevo bene. Un anno dopo, con un progetto più chiaro e delineato in testa, sono tornata sul “luogo del delitto”. Mi sono presa una mattina libera per tornare all’Arts and Crafts Market per conoscere altri artigiani e per poter ascoltare altre storie. Sono andata dritta da Andrea, sapendo che ne sarebbe scaturita una piacevolissima conversazione.

Prendi L'Arte ... e rendila opinabile

Avevo parlato telefonicamente con Antonella Ciavarro perché non ero, causa pioggia, riuscita ad andare a settembre all'appuntamento mensile dell'Arts and Crafts Marchet, ma mai mi sarei aspettata la notizia della sospensione del mercato di Trastevere.
Già, perchè?
Sarebbe stata una sospensione temporanea?
Con quali motivazioni?
Intanto che Fabiola ed io ci ponevamo queste domande ci è arrivato l'invito, da parte della Associazione, ad assistere, il 29 settembre alla seduta del Consiglio Municipale. In questa occasione l'Associazione ha potuto esporre alla Giunta la propria situazione e le proprie richieste.
Da questo invito è nata l'urgenza di trovare un punto di partenza e di scrivere questo post.
Ad aiutarci a dipanare la matassa è venuto in nostro aiuto Andrea Ceccherini, in arte Essere Vento, artista e artigiano della pelle, nonché socio sostenitore di Prendi l’Arte, associazione romana di artigiani “OPI” ovvero “Operatori del Proprio Ingegno”. 

Antonella Ciavarro: la fatina di Bidibi Bodibi Bu

Chi non è mai rimasto incantato davanti alle magie della fatina della favola di Cenerentola, che con un tocco di bacchetta e una strana formula magica trasformava la zucca in carrozza?
Antonella è la fatina del riciclo. Con un suo tocco di bacchetta ciò che per molti è solo un oggetto da buttare, per lei diventa materiale per creare un gioiello.
Tappi di latta, barattoli, tubetti di maionese assumono, grazie alle sue sapienti mani, forme nuove. Tutto si trasforma e diventa, per magia e per sua bravura, bello e prezioso come solo i pezzi unici e lavorati a mano sanno essere.
Volete sapere di più su di lei e sulle sue magie? Bene, perché Antonella è stata disponibilissima a rispondere alle mie domande.

Le InSolite Cose che rendono una giornata speciale

La fantastica giornata a Trastevere passata in compagnia di Fabiola non poteva certo concludersi meglio!
Dopo aver incontrato Malakapa e Glimoire ci siamo avvicinate a quello che di grano lunga era il banco più colorato ed eccentrico.

Il fascino dei gioielli senza tempo di Glimoire

Da lasciarci gli occhi sui gioielli di Glimoire. Senza dubbio alcuno e senza mezzi termini.
Poi per una come me, appassionata di oggetti d'epoca, è impossibile rimanere indifferente!

Non mi dite che non avete mai provato a smontare o a rimontare una vecchia sveglia, perché ho qualche difficoltà a crederlo.
E non mi dite neanche che non solo le avete smontate, ma che non rimontarle tutti i pezzi sono andati al loro posto e a voi non è avanzato mai neanche un ingranaggio, perché io non credo neanche a questa ultima cosa.

I gioielli parlanti di Molby Creation

Ci sono delle cose che per noi rappresentano delle storie. Possono essere oggetti di vita quotidiana, possono essere delle foto. Cosa succede se gli oggetti stessi si mettono a raccontare storie? Se questi oggetti fossero gioielli che storie racconterebbero?
Racconterebbero storie di pietre che si incontrano, di metalli che si fondono, di pietre che risplendono.
I gioielli di Molby Creation raccontano proprio queste storie.
Pensati e forgiati a mano da Francesco Lucatelli, questi gioielli custodiscono la loro storia.

Come in "Intro": la luce dall'alto filtrata dall'opale, va ad illuminare la punta di quarzo nascosta dentro il grembo!!! L'elemento goccia...va a "conoscere", scoprire il segreto celato.


Un altro gioiello, un'altra storia. Una storia di viaggio di andata e di "Ritorno all'Essere".



I 4 punti in oro, rappresentano i 4 punti cardinali...uno di essi nascosto sotto la maschera, impedisce alla donna di ritrovarsi. Togliendo la …

Malakapa: un diavolo per cappello

Si preannuncia come una bella mattina assolata e io sono pronta, prontissima a conoscere l'altra faccia di Arts and Crafts Market.
Questa volta non vado a Cinecittà ma a Trastevere, ma l'atmosfera è la medesima. 
Qui il market si svolge regolarmente il 3 martedì del mese e questa volta non sono sola.
Insieme a me Fabiola la Comare con la quale mi diverto a giocare a Ispirazioni&Co sull'altro mio blog.

Giulio il Candelaio e l'arte di modellare la cera

E' difficile per me presentarvi Giulio e la sua arte. Giulio è una persona tutt'altro che tecnologica, un po' come la sua arte che si ripete invariata nei secoli.

La mia passione per le candele di ogni forma e colore non poteva non essere il catalizzatore per questo incontro.

Giulio è stato disponibilissimo a illustrare la sua arte e la tecnica che adotta.
Giulio realizza candele usando solo materiali naturali e le candele che vedete sono tutte attorcigliate a mano senza l'uso degli stampi.

Macramorarte: il filo si incontra con le pietre

Il macramè, meglio conosciuto come "pizzo a nodi", è una tecnica tessitura che consiste nell'intreccio di fili che, annodati a mano, danno vita a un consistente merletto dal disegno geometrico.
Di origine araba (il termine deriva dalla parola araba migramah) questa tecnica si diffuse sin dal Medioevo in tutta l'area mediterranea.
Non penso che ci sia bisogno di tante parole per spiegarvi perché sono stata calamitata verso lo stand di Macramorarte.

Fabrike Recicled. L'arte del riciclo delle camere d'aria

Affascinata dall'arte del riciclo e del riuso sono stata attratta verso le creazioni targate Fabrike Recicled.
A fare da padrone di casa ho trovato Raul Ruiz Rodriguez, artista e artigiano barcellonese che vive in Italia dal 2008 e che sin dall'inizio della sua avventura nel mondo dell'artigianato ha sempre cercato di trasformare gli scarti e donare loro una nuova vita.
Cosa si può fare con delle camere d'aria? 
Sono sicura che vi starete facendo questa domanda.
Pensate alla camera d'aria come a una striscia di stoffa (o di pelle), vi sarà più facile immaginarla come una borsa.


Quando si ha a che fare con materiali che hanno già avuto una funzione, con materiali che hanno già un loro carattere, una loro caratteristica, bisogna assecondarli nelle forme.
Così da creare delle borse dal design moderno e originale.
E se le camere d'aria incontrano i copertoni, il gioco a contrasto che ne deriva è veramente affascinante.


E poi non c'erano solo borse ma anche portafogli .…

Arts and Crafts Market

Dopo l'abbuffata di cretività e di colori che ho fatto ad Abilmente, ho cominciato a guardarmi intorno e a cercare notizie sui mercatini di Natale.
A Roma, nel periodo delle feste natalizie ce ne sono parecchi. E mentre in Fiera sono andata da sola perché la famiglia ha allegramente boicottato la mia avventura da reporter, con i mercatini sono stati più indulgenti e collaborativi, almeno all'inizio.