Passa ai contenuti principali

Le Infeltrazioni di Agnes Eszenyi


Creare è dare una forma al proprio destino.
(Albert Camus)

L'incontro con Agnes Eszenyi è stato per me importante.

Parlare con Agnes mi ha fatto cambiare punto di vista. Prima il feltro per me era solo un pezzo di tessuto, più o meno regolare, da fustellare e usare per piccole decorazioni. Avevo un vago concetto dell'ago per infeltrire la lana, ma mai e poi mai pensavo al feltro come a un materiale adatto per arricchire la vita quotidiana.


Agnes infeltrisce per contatto di calore, umidità e massaggio meccanico. In questo modo i peli di animale (pecora, alpaca, cammello) si ingarbugliano e danno vita a un tessuto impermeabile, caldo e compatto. Questa tecnica, risalente al III sec. a.C., è messa a punto dai popoli nomadi dell'Asia Centrale. In questo modo, infatti, per infeltrire non c'è bisogno di portare dietro nessuna attrezzatura. Tutto è a portata di mano. Questo fa sì che i popoli nomadi potessero usare il feltro per realizzare vestiti, tappeti, coperte e cuscini e case.

È con questa tecnica e con questo spirito nomade che nascono le Infeltrazioni.

E così sono rimasta incantata a guardare tappeti,coperte e cuscini.I colori, tutti naturali, si accostano, quasi si mischiano e formano un disegno, una armonia.


E nascono collane, vasi e orecchini.Qualche volta il feltro non rimane da solo, ma incontra altri tessuti e si fonde con essi.Per chi fosse interessato, Agnes organizza anche dei corsi. Nel prossimo corso insegnerà come realizzare un tappeto. Per saperne di più visitate la sua pagina Facebook .

La chiacchierata con Agnes, mi ha fatto conoscere anche l'esistenza degli yurtati, che vengono utilizzati dalle popolazioni nomadi come abitazione. Sono rivestiti completamente in feltro e hanno forma circolare.


Non bisogna andare tanto lontano per vedere e ammirare una yurta da vicino, basta arrivare in Toscana, a Pitigliano, dove si può entrare in una libreria nomade.Agnes insegue il sogno di una futuro sostenibile ed ecologico, sogna di avere una sua yurta, sogna di avere con sé solo le cose essenziali, senza il superfluo.

Sicura di avervi incuriosito vi invito a visitare il sito web Yurtati.


Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza. 

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg