Passa ai contenuti principali

Macramorarte: il filo si incontra con le pietre


Il macramè, meglio conosciuto come "pizzo a nodi", è una tecnica tessitura che consiste nell'intreccio di fili che, annodati a mano, danno vita a un consistente merletto dal disegno geometrico.
Di origine araba (il termine deriva dalla parola araba migramah) questa tecnica si diffuse sin dal Medioevo in tutta l'area mediterranea.
Non penso che ci sia bisogno di tante parole per spiegarvi perché sono stata calamitata verso lo stand di Macramorarte.

Barbara era intenta a levigare e a creare l'incanalatura necessaria per far passare il filo e per cominciare gli intrecci. Ruben, invece, nodo dopo nodo tesseva il gioiello.


E' proprio l'incontro tra il macramè e le pietre dure che rende i loro gioielli unici. Ogni modello creato è ispirato dalla natura. I loro gioielli sono ispirazioni provenienti da culture lontane. Il loro tocco, la loro interpretazione, rende tutti i loro pezzi unici.


Ogni pietra viene scelta con cura.
L'arte dell'intreccio e le qualità mistiche delle pietre si fondono  insieme.
Alcune delle loro collane si ispirano ai mandala.


In questi gioielli due culture e due filosofie si incontrano. Da una parte l'intreccio arabo, dall'altra la pratica buddista. Il mandala, secondo il buddismo, rappresenta il processo di formazione del cosmo dal centro verso l'esterno il tutto racchiuso in un cerchio. 
Mandala è l’archetipo dell’ordine interiore ed esprime il fatto che esiste un centro ordinatore e una periferia che cerca di abbracciare il tutto. Ogni cambiamento richiede tempo e dedizione, allora si è capaci di mantenere vivo il dono più grande: quello dell’equilibrio.
Dall'equilibrio nasce il mandala come strumento del cammino spirituale.


Commenti

  1. Lavori straordinari e loro carinissimi.
    Seguivano sempre Ispirazioninfiera con tanto affetto!!!

    RispondiElimina
  2. Io spero di r incontrarli, prima o poi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza. 

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg