Passa ai contenuti principali

Alter Ego: un viaggio tra i labirinti del cuore


Ci sono incontri che lasciano il segno, ci sono artisti che parlano con un tale entusiasmo e amore verso le loro opere che tu non puoi rimanere indifferente. Attraverso le parole quello che sembra, a me profana, un groviglio inestricabile diventa poesia e arte.
Ho incontrato Davide Pisapia all’interno della mostra Infiniti Labirinti e grazie a lui ho fatto un fantastico viaggio tra i labirinti della mente e del cuore.

Esiste un luogo in cui le cose che amiamo e quelle che siamo bravi a fare si ritrovano insieme. Dov’è per te questo luogo e quale è la strada che porta a questo luogo?
Geograficamente il luogo è in via Del Riposo a Napoli, dove c’è una semplicissima officina dalla quale escono fuori i miei lavori.
In realtà un luogo preciso non c’è, perché risiede in una parte di me che io neanche immaginavo di avere e che ho scoperto con la crisi economica.
Io sono autodidatta, non vengo dal mondo delle Belle Arti, è stato per me tutto una scoperta attraverso il senso dell’amore.

Che materiale prediligi usare?
Prevalentemente lavoro il ferro trafilato che è un ferro acciaioso abbastanza resistente.
Mi capita anche però di usare per una stessa opera diversi materiali, come per Loverynth dove ho usato legno, plastica e ferro.

Tu sei presente a Paratissima con due opere. Una è Loverynth ed è ospitata all’interno della mostra Infiniti Labirinti. Cosa rappresenta Loverynth?
Rappresenta la parabola dell’amore.
Tutti noi ci ritroviamo spesso a iniziare percorsi sentimentali che non conducono da nessuna parte, come in un labirinto. Però nella vita di una persona, per fortuna, c’è sempre un percorso che porta all’altra metà. I due specchietti non sono altro che due cornici nelle quali invito i due amanti a specchiarsi.


Oltre a Loverynth qui a Paratissima è esposta anche un’altra tua opera.
Sì esatto, si tratta di Spleen . Questa è l’opera con la quale volevo esordire a Paratissima.


Ce ne puoi parlare? Che cosa è Spleen e perché è proprio raffigurato da un uomo?
Qui si affronta un tema opposto a quello dell’amore: il male di vivere, la malinconia.
Spleen è il termine che Baudelaire usa per racchiudere in un’unica parola il senso di disperazione e di malinconia dell’uomo.
Io ho pensato di interpretare attraverso forme tridimensionali quello che Baudelaire affrontava nei suoi scritti. Sono andato a rappresentare un uomo inginocchiato, morente, privo del sangue che irrorava le sue vene. Non a caso quest’uomo viene rappresentato incolore.
Attraverso l’arte rappresento un uomo che si priva del cuore e che concettualizza l’idea che l’arte non è importante nella vita degli esseri umani. Giunto a questa conclusione l’uomo si toglie la vita.

Cosa rappresentano le ali?
Anche le ali sono un’associazione a Baudelaire. Secondo il poeta, coloro che sono affetti da questo spleen si sentono liberi di volare come un albatros, perché l’albatros è un animale che si sente maestoso e in grado di poter varcare gli oceani. Però, nel momento in cui si ritrova sulla terra ferma, si sente goffo e inutile.
Questo stato d’animo è lo stesso che vive quest’uomo che si sente come un essere inutile. Baudelaire affermava che i poeti erano considerati dalla società esseri inutili, perché non portavano profitto.

Quindi l’opera d’arte fa diventare tangibile la poetica di Baudelaire?
In un certo senso sì.
Ho incontrato un fotografo, qui a Paratissima, che mi ha dato un’altra interpretazione di Spleen che a me è piaciuta molto. Ha detto che quest’opera si può dividere in tre parti: la vita, rappresentata dal cuore; l’assenza, rappresentata dall’uomo che non ha più nulla che lo personifica; l’aldilà rappresentato dalle ali.
Spleen è l’opera alla quale sono più legato insieme a L’Amore ramifica.

Sono stata veramente contenta di parlare con Davide e non mi sono per niente stupita, quando ho saputo della sua vittoria del premio Vibel Design.


Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza. 

Mostra Personale Arte e Pensieri: Antonella Pintauro

"La pittura è il mio volo, ed io non posso smettere di volare."  L'attività artistica di Antonella Pintauro inizia in giovane età.  Da autodidatta, l'artista si avvicina a quadri e pennelli dipingendo il mondo intorno a lei: fiori, prati e colori . . . tanti colori, perché il colore è il vero protagonista comune in tutta la sua produzione artistica.  Un colore pastoso, corposo e al contempo leggero, dipinto con il pennello dalle ampie setole, mai pulito ma sempre mischiato con molti altri colori.  È proprio dall'insieme confuso degli elementi e dagli impasti irruenti ed estemporanei che sono nati i quadri più belli della sua produzione.  Un altro elemento che sicuramente caratterizza i suoi quadri è la spontaneità della creazione. Antonella, infatti, è prima d