Passa ai contenuti principali

SBNK: recycled board creations


Lo skateboarding è uno sport nato sulle coste californiane nei primi anni ‘50.
Nel 1963 venne progettato il primo skateboard professionale, frutto della mente di Larry Stevenson, editore di Surf Guide e titolare dell’azienda Makaha.
Lo skateboarding oltre a essere uno sport è anche uno stile di vita: surfare sulle ruote significa anche farlo nella vita.
E’ uno sport da strada dove agilità, equilibrio, tecnica e spericolatezza sono le caratteristiche che ogni skater deve avere.
Cosa succede, però, se si cambia punto di vista? 

Se si tolgono le quattro ruote e si rimane a fare i conti con una tavola di legno, che porta con sé i segni tangibili della propria storia, dell’essere strumento per raggiungere uno scopo?
Succede che la materia si trasforma, l’equilibrio cambia, i graffi e le crepe del legno si valorizzano e da ostacolo diventano opportunità.
Opportunità di realizzare un pezzo unico e inimitabile, che parla e racconta la propria storia.
Io sono troppo curiosa per farmi sfuggire le storie, per non lasciarmi coinvolgere, per non chiedere.
Così, a Paratissima, ho gironzolato intorno allo stand di SBNK, finchè non sono riuscita a parlare con Alberto della Beffa, giovane artista torinese, che realizza mobili, utilizzando proprio le vecchie tavole da skate.
Alberto è stato molto gentile e ha dato risposta alle mie curiosità.

Perché l’utilizzo delle tavole da skateboarding per i tuoi progetti?
Perché io faccio skateboarding da una vita e, con il mio gruppo di amici, consumo un sacco di tavole.
Le tavole da skate sono soggette a consumarsi o a spezzarsi e a diventare, quindi, inutilizzabili. Sono comunque realizzate in legno d’acero pressato, che è molto resistente e che ha delle caratteristiche estetiche, che a me piacciono molto.
Le tavole da skate, poi, sono sempre disegnate e coloratissime. Nei miei progetti la parte grafica delle tavole rimane a vista e rende ogni pezzo creato un pezzo unico. 

Le tavole da skate hanno anche un’altra caratteristica: il legno di cui sono fatte è assemblato e rifinito con resine e quindi non può essere riciclato.
Anche per questo motivo vale la pena riutilizzarlo in altro modo.

Quando è nato il tuo progetto di riutilizzo delle tavole da skate per la creazione di pezzi d’arredamento?
Ho iniziato tre anni fa a realizzare i primi alberi. Poi lo scorso anno ho portato a Paratissima i miei primi lavori di arredo.
Ho avuto un buon riscontro da parte del pubblico e ho deciso di continuare a realizzarli. 

Quanto incidono il disegno, il colore e la grafica sul progetto da realizzare?
Cerco di accostare tavole con disegni e colori differenti. Non creo oggetti monocolori, mi piace di più l’oggetto variopinto.

Che caratteristiche deve avere la casa ideale per accogliere le tue opere?
Le persone interessate alle mie creazioni hanno tra i 30 e i 35 anni. In generale penso, che si sia diffuso il gusto di avere in casa oggetti di vario stile. Rispetto al passato, in cui gli arredamenti delle case seguivano un unico stile ben codificato, ora si tende ad avere oggetti che piacciono indipendentemente dallo stile della casa.

Tra gli oggetti che produci cosa ti piace di più.
A me piacciono molto gli alberi. 

Sono elementi puramente decorativi e sono realizzati,  usando le tavole da skate, che taglio a liste.
Mi piace creare le forme dell’albero, sfruttando le curvature della tavola.

Quali sono le difficoltà che si possono incontrare nel fare un prodotto artigianale come il tuo? 
La prima difficoltà nasce nel reperire la materia prima. E’ vero che, praticando lo skate come sport e avendo molti amici che lo praticano, riesco a reperire le tavole con il passa parola. Il problema è che non si riesce ad averne tante in poco tempo.
Un’altra difficoltà, legata al fatto che io ho cominciato da poco a realizzare oggetti d’arredo, è imparare a utilizzare bene gli strumenti che mi occorrono per lavorare le tavole.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.