Passa ai contenuti principali

Orto Strabilia: semi rari dal mondo

La civiltà ebbe inizio quando per la prima volta l’uomo scavò la terra e vi gettò un seme.
(Kahlil Gibran)
Mai avrei pensato di trovare ad Abilmente, fiera della creatività, uno stand di semi e piante eppure il primo incontro è stato proprio con Giovanna Lattanzi, amministratrice del marchio Orto Strabilia e con la sua passione per la natura.
Chi mi conosce sa che riesco a far crescere rigogliose solo le ortiche e che il giardinaggio non è proprio il mio forte però la curiosità è la pedina che fa superare i propri limiti e questa volta è stata decisiva!
In realtà non c'è niente di più creativo che occuparsi delle piante e dei fiori e non solo perché fonte inesauribile per la progettazione di composizioni e di giardini da favola, ma proprio perché la pianta, con la sua nascita dal seme intraprende da subito un percorso di vita creativo.
Ringrazio Giorgia Lattanzi per aver dedicato del tempo alle mie curiosità.

Tutto ebbe inizio...
Questa attività nasce da un sogno e da una passione che c'è sempre stata. Grazie a questa passione abbiamo fatto un concorso che ci ha permesso di diventare una startup innovativa italiana: siamo diventati una ditta sementiera italiana riconosciuta, una delle pochissime presenti nel nostro territorio.
Abbiamo voluto differenziarci da quello che è il mondo delle sementi classiche cercando di riportare solo sementi storiche non ibridate.

Quale è la differenza tra i vostri semi e le sementi classiche?
Quelli che si possono trovare da noi sono tutti semi che fortificano le piante. Raccogliendo il frutto torniamo in possesso dello stesso seme di partenza: i nostri sono semi eterni.
Il nostro filo conduttore è che sono tutte specie antiche presenti nel nostro territorio.

Cosa avete portato ad Abilmente? 
La novità di quest'anno è che abbiamo deciso di portare anche i fiori a modo nostro.
Abbiamo deciso di ricreare paesaggi artistici dipinti su tela da pittori famosi. Cerchiamo di far rivivere alla persona lo stesso paesaggio ritratto nel quadro. Per ogni quadro abbiamo selezionato una composizione di semi realistica e più o meno veritiera.

E' facile coltivare i vostri semi?
Sì assolutamente. Abbiamo scelto semi semplici che devono essere alla portata di tutti.

Quali sono le difficoltà che avete incontrato nel vostro lavoro?
Il problema è che questo viene considerato un mercato di nicchia quando in realtà non lo è perché facilmente ci si può approcciare alla coltivazione di questi semi e facilmente si porta a casa un risultato.
Per questo motivo abbiamo scelto di commercializzare semi di ortaggi. Questi semi permettono di far vedere, a chi li coltiva, un intero ciclo vitale dalla nascita alla produzione e alla morte della pianta in pochissimo tempo.

Cosa contengono questi barattoli?
Contengono delle alche di origine giapponese che si chiamano Marimo
Le abbiamo portate ad Abilmente soprattutto per il loro significato storico. Questa è un'alga che viene apprezzata tantissimo perché legata a miti e a leggende. E' simbolo di longevità e di amore eterno e rappresenta un buonissimo augurio.
E' un'alga che vive 18 anni e la sua particolarità è che, per effetto della fotosintesi, si muove: viene a galla, scende, rotola. Per questo motivo viene chiamata l'alga che balla.

Quella, invece, è la Rosa di Gerico?
Sì è una pianta che rimane in dormienza anche per molti anni, ma che se messa nell'acqua ritorna a vivere. Viene chiamata la pianta della resurrezione ed è legata alla religione cattolica. 
Una volta messa in acqua questa si riempie di sali minerali e viene chiamata acqua del pellegrino.

Quanto vive poi la pianta una volta messa in acqua?
La Rosa di Gerico è una pianta del deserto e deve essere ciclicamente chiusa. La pianta si fa vivere a cicli di 15 giorni: 15 giorni in acqua e 15 giorni fuori dall'acqua. 

Ora non mi dite che siete rimasti indifferenti al fascino di questi semi e di queste piante perché non ci credo! Aspetto, invece, di sapere se vi ho fatto venire voglia di avere il vostro orto sul balcone 😊

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza. 

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg