Passa ai contenuti principali

Alla (virtuale) ricerca della creatività nei Musei Capitolini

Dobbiamo stare a casa, e fin qui non ci piove! Spero che il concetto sia arrivato chiaro e forte a tutti.
Ok ma cosa facciamo?
Io vi propongo la mia idea e voi mi dite se vi piace.
Da oggi, ogni settimana,  verrete con me alla ricerca virtuale della creatività con l'unico mezzo a disposizione che ci può fare evadere dalle mura domestiche senza aprire la porta di casa: internet.
Molti siti, mostre e musei si sono attrezzati per regalarci bellissimi tour virtuali. Io direi che è il caso di accettare questo invito e di fare una passeggiata tra le bellezze dell'arte.

Oggi vi volevo raccontare di uno dei tour virtuali dei Musei in Comune: quello dei Musei Capitolini.
I tour virtuali dei Musei in Comune offrono una visita a tutto schermo delle sale e consentono un'esperienza virtuale a tutti che supera i limiti spaziali.
Utilizzando il mouse e la tastiera, cliccando sugli hotspot inseriti negli ambienti e navigando le mappe interattive la visita si approfondisce con elementi di contesto: foto, video e testi. Possiamo scegliere il percorso e lasciarci incantare dalle bellezze custodite in questo museo.
Prima di lasciarvi alla visita virtuale del museo vi voglio, però, raccontare qualche cosa sui musei e sulla piazza sulla quale affacciano le sue due palazzine.
 I Musei Capitolini possono essere considerati come il primo museo della storia inteso come luogo dove l'arte fosse fruibile da tutti e non solo dai proprietari. La loro nascita viene fatta risalire al 1471, quando il papa Sisto IV donò al popolo romano un gruppo di statue bronzee tra le quali la lupa capitolina.


Furono aperti al pubblico nell'anno 1734, sotto papa Clemente XII.  Si parla di "musei", al plurale, in quanto alla originaria raccolta di sculture antiche fu aggiunta da papa Benedetto XIV, nel XVIII secolo, la Pinacoteca, costituita da opere illustranti soggetti prevalentemente romani.
Palazzo dei Conservatori (sede della collezione di statue) e dal Palazzo Nuovo(sede della pinacoteca), edifici che affacciano sulla michelangiolesca Piazza del Campidoglio.
L'opera forse più famosa che vi è conservata è la statua equestre di Marco Aurelio; quella al centro della piazza è una copia, mentre l'originale, dopo essere stato sottoposto a lavori di restauro, è ora collocato nella nuova aula vetrata.


Mi raccomando da non perdere la galleria lapidaria (cioè preposta all'esposizione delle epigrafi), che dà accesso anche al Tabularium e unisce i due edifici.

A me non rimane che lasciarvi al vostro tour nella speranza di poter tornare presto ad andare in giro fisicamente e non solo virtualmente!




Commenti

Post popolari in questo blog

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…