Passa ai contenuti principali

Il Museo Nazionale degli Strumenti Musicali

“Tutti gli strumenti sono facili da suonare. 
Tutto sta nel pigiare il tasto giusto al momento giusto
 e lo strumento suonerà da solo.”
    Johann Sebastian Bach

A Piazza Santa Croce in Gerusalemme, alla sinistra della basilica c'è un palazzo, la Palazzina Samoggia, che accoglie dal 1974 la collezione di strumenti musicali del tenore Evan Gorga, prima dislocata in vari magazzini. 
Io alla alla Palazzina Samoggia ci sono andata per accompagnare mio figlio e ne sono rimasta incantata.
Sono rimasta incantata non solo dalla Palazzina, ma anche dal museo che ospita.
Il nostro è stato un viaggio tra la musica e gli strumenti musicali.
Un viaggio che abbiamo potuto realizzare grazie a Evan (Evangelista) Gorga, tenore che dopo il suo definitivo ritiro dalle scene, si dedicò esclusivamente al collezionismo. Tra le sue innumerevoli collezioni spiccava, per ricchezza, quella dedicata agli strumenti musicali.
La nostra visita è cominciata con la scoperta di tre meravigliosi e unici strumenti musicali.
Ad accoglierci abbiamo trovato il cembalo, costruito a Lipsia nel 1537 da Hans Müller.
Il prezioso strumento ha delle caratteristiche in gran parte simili a quelle dei cembali italiani, è l'esemplare tedesco più antico conosciuto. come, ad esempio, la sagoma della cassa e tutta la costruzione interna.
Era stato concepito per essere appoggiato su di un tavolo, infatti non possiede gambe proprie. Particolare inusuale è una rosa non applicata, ma direttamente traforata sulla tavola armonica.

La grande genialità di Bartolomeo Cristofori lo portò a sostituire i salterelli che pizzicavano le corde nel clavicembalo con un meccanismo a martellitti. Tale sistema permetteva di modulare il volume del suono attraverso il tocco del suonatore sul tasto. Così Cristofori inventò il pianoforte.
Ci sono pervenuti solo tre pianoforti costruiti da Cristofori. Il pianoforte custodito al Museo è uno di questi. Datato 1772 è quello nelle migliori condizioni conservative.

La terza meraviglia del museo è l'Arpa Barberini, tante volte ammirata nella tela di Giovanni Lanfranco, Allegoria della musica (Roma, Galleria Nazionale d’Arte Antica in Palazzo Barberini).
L’arpa fu costruita tra il 1605 ed il 1620 per la famiglia Barberini, come testimonia lo stemma con le tre api nel fine intaglio ligneo della colonna. Dai Barberini fu affidata а Marco Marazzoli (Parma 1602 ca- 1662), detto Marco dell’Агра.

Tanti altri strumenti musicali possono essere visti e apprezzati. Quello che a me ha lasciato di stucco è stato vedere le decorazioni e i dipinti presenti sulle casse armoniche degli strumenti.

Il museo ospita anche dei concerti di musica classica. I prossimi concerti si terranno il 26 e il 27 gennaio alle 17.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.