Passa ai contenuti principali

Post

Elementi in cascina

Iniziare un nuovo cammino spaventa. Ma dopo ogni passo che percorriamo ci rendiamo conto di come era pericoloso rimanere fermi. (Robero Benigni) Al buio, in mezzo alla neve, percorro il vialetto che mi conduce dentro Cascina Roland . Preparare questo viaggio è stato come entrare in un frullatore non solo di emozioni, a queste si sono accavallate storie e leggende. Varcare la soglia è ritornare indietro al 1400. Chiudo gli occhi e ci provo: sento rumori, suoni odori. Li riapro e trovo ad accogliermi Alessandra, Roberto, Massimiliano e Penelope uniti tutti in un caldo abbraccio per cominciare insieme un nuovo cammino: &_le_menti a confronto . Le opere non sono ancora arrivate tutte e c’è ancora molto da lavorare prima dell’inaugurazione. Mi guardo ancora un po’ intorno e la consapevolezza di non essere in un semplice ristorante, in una semplice cascina, prende sempre più piede dentro di me. La curiosità di saperne di più diventa necessità. Sul mio

L'arte dell'intarsio secondo Zouganista

Chissà perché, quando sento parlare di intarsi mi vengono in mente mobili e tavoli decorati e cesellati con maestria artigianale, ma mai, prima delle mie scorribande fiorentine ad Artigianato e Palazzo , mi sarebbe venuto in mente di pensare all’intarsio come ad una tecnica così particolare e duttile da rendere possibile, grazie al suo utilizzo, di realizzare delle vere e proprie opere d’arte. Takafumi Mochizuki, titolare del marchio Zouganista , artigiano vincitore di Blogs and Crafts 2014 e presente anche nell’edizione 2017, mi ha fatto scoprire un modo diverso di concepire gli intarsi.

Viaggio nella Street Art di UNO

La TV ha fatto in modo che andare a teatro sembrasse inutile; la fotografia ha praticamente ucciso la pittura; ma i graffiti sono rimasti gloriosamente incontaminati dal progresso. (Bansky) La street art romana, dal 2000 ad oggi, ha fatto passi da gigante. Tanto grandi, che il Comune di Roma ha deciso di realizzare una mappa della street art romana. Insomma, rispetto agli inizi di questo movimento, sta avvenendo una vera e propria rivoluzione o quanto meno si sta cambiando il punto di vista. La street art è un’arte in movimento, così come lo sono gli street artist . Lo è pure UNO, artista che vive e lavora a Roma dal 2005 e che io ho rincorso per quasi un anno, prima di poter parlare con lui al telefono. Posso dire, comnque, che è valsa la pena aspettare. Le tecniche che lui utilizza sono quelle classiche della street art , ma quello che di più mi ha colpito nel vedere le sue opere è vedere come riesce a giocare con la tecnica pubblicitaria per poi cambiarla

In viaggio con la Walking Art di Barbara Di Mauro

La pittura intuitiva non è una semplice pratica espressiva, ma una profonda esperienza di iniziazione, guarigione ed evoluzione interiore alla scoperta dell’anima. (Marianne Cordier) Ho incontrato Barbara Di Mauro in una calda serata di settembre. Ero andata a salutare le sorelle Zurlo in occasione del vernissage di una loro mostra, ad Area Contesa Arte . Sono stata attratta come una calamita dai suoi quadri, attratta dai colori e dal loro spessore materico. Ho cercato di individuare Barbara tra la gente e così è successa una cosa stranissima. Avevo visto che oltre ai quadri e agli acquerelli c’erano anche delle bellissime borse in tela, che riproducevano fedelmente le sue opere. Allora mi sono detta per trovare lei mi basta trovare una signora con una borsa come la sua . Sembrava facile da realizzare la mia idea… Già, facile se non ci fossero state una decina di signore, in giro per Area Contesa Arte , con una borsa di Barbara di Mauro a tracolla. Ho saputo poi, ch

La fabbrica delle idee di Faenas Factory

Ho scoperto i mercatini di Faenas Factory un po’ per caso, qualche anno fa, mentre, agli albori della mia avventura nel mondo dell'arte e dell'artigianato, cercavo notizie di mercati dove si potessero trovare esposte opere di artigiani. Così un paio di volte sono andata a curiosare, a conoscere storie, a incontrare persone. Gli incontri sono stati sempre bellissimi e le persone che ho incontrato spettacolari. Questo autunno mi sono messa a pensare, con un discreto anticipo, al Natale e ai mercati di Natale in genere. Ho pensato ai caratteristici mercati del Nord Italia e del Nord Europa. Quei mercati che riempiono le piazze delle città e che la gente prende d’assalto, facendo anche lunghi viaggi per andare a vederli e per comprare cose che poi, forse, non sono così tanto artigianali. Ho pensato ai mercati natalizi di Roma, città in cui io vivo, e che per qualità degli artigiani espositori non sono affatto da sottovalutare. Uno di questi mercati si svolge sotto

Casa Gioia. un progetto di sartoria sociale

Le grandi fiere della creatività come Abilmente favoriscono gli incontri e gli scambi tra persone. Non sono solamente grandi, enormi bazar di perline e di attrezzature per fare craft . Non sono solo questo, mai. Certo, ad un primo colpo d’occhio, è difficile credere a una cosa del genere. È perfino difficile crederlo, origliando le conversazioni di chi, in treno, è pronto per fare scorte di materiali. Bisogna stare attenti, vigili, senza farsi prendere dalla foga dell’acquisto compulsivo. A guardarsi intorno ci si guadagna sempre. Così ho fatto io, notando ed avvicinandomi, allo stand di Nuovi Orizzonti , dove mi sono fatta raccontare il loro progetto di sartoria sociale Casa Gioia . Casa Gioia è la prima comunità di accoglienza femminile di Nuovi Orizzonti e venne inaugurata sedici anni fa da Chiara Amirante e Suor Paola. Vengono accolte donne, che sono cadute nel vortice della dipendenza, donne fragili che hanno bisogno di ritrovarsi, di riscoprire il lor

Il mondo della piuma secondo Mazzanti Piume

L’immagine più bella, che io ho di una piuma, è quella della piuma bianca, che cade dal cielo in Forrest Gump . Mi piace e mi affascina proprio perché rispecchia in pieno la leggerezza, la poesia e la magia. Ho ritrovato, con gioia, tutte e tre queste caratteristiche nello spazio della limonaia grande di Giardino Corsini, dove sono stata investita dall’entusiasmo del signor Maurizio Mazzanti. In un batter d’occhio mi sono ritrovata con un cerchietto di piume in testa e con un boa al collo e, imbarazzo a parte, ho fatto un salto all’indietro nell’atmosfera degli anni ‘20-’30 del Novecento. Se vi state chiedendo, perchè non vi mostro ora una mia foto mentre sono così abbigliata, sappiate che mai nessuno la vedrà!