Passa ai contenuti principali

Casa Gioia. un progetto di sartoria sociale

Le grandi fiere della creatività come Abilmente favoriscono gli incontri e gli scambi tra persone. Non sono solamente grandi, enormi bazar di perline e di attrezzature per fare craft. Non sono solo questo, mai.
Certo, ad un primo colpo d’occhio, è difficile credere a una cosa del genere. È perfino difficile crederlo, origliando le conversazioni di chi, in treno, è pronto per fare scorte di materiali.
Bisogna stare attenti, vigili, senza farsi prendere dalla foga dell’acquisto compulsivo.

A guardarsi intorno ci si guadagna sempre.
Così ho fatto io, notando ed avvicinandomi, allo stand di Nuovi Orizzonti, dove mi sono fatta raccontare il loro progetto di sartoria sociale Casa Gioia.

Casa Gioia è la prima comunità di accoglienza femminile di Nuovi Orizzonti e venne inaugurata sedici anni fa da Chiara Amirante e Suor Paola. Vengono accolte donne, che sono cadute nel vortice della dipendenza, donne fragili che hanno bisogno di ritrovarsi, di riscoprire il loro valore, di riprendere in mano la loro vita, in un posto protetto e sicuro.
Il mondo dell’artigianato tende le mani all’obiettivo di Casa Gioia. Le mani che lavorano sono mani operative, la possibilità di imparare un mestiere impegna le ragazze accolte nella casa.
Attraverso l’arte della sartoria e del ricamo le ragazze non solo imparano un mestiere, ma il lavoro diventa strumento per valorizzare se stesse.
Partendo dall’esperienza di un piccolo laboratorio di ricamo, è nata l’idea di sviluppare un progetto di “sartoria solidale” con l’obiettivo di realizzare delle produzioni di qualità e allo stesso tempo offrire la possibilità di una formazione professionale per le ragazze impegnate.
Quello di Casa Gioia è un progetto di ergoterapia. Quello che le ragazze affrontano è un percorso individuale, pedagogico e psicologico. Affinché questo percorso abbia un senso e vada a buon fine, le ragazze sono seguite da operatori volontari. Attualmente a Casa Gioia vengono ospitate otto ragazze, tre volontari più gli operatori, per un totale di quindici persone circa.
Abilmente è una occasione preziosa, per mostrare ciò che con fatica e con impegno le ragazze riescono a produrre.
Il loro stand è bellissimo e coloratissimo e io sono rimasta incantata per l’impegno e per la qualità del lavoro svolto dalle ragazze.
Per poter acquistare i loro manufatti, se non siete riusciti ad andare ad Abilmente, potete chiamare o mandare una mail a Casa Gioia.

Casa Gioia
Piazza Garibaldi, 8
00047 Marino (Roma)
Tel. 0693803113

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza. 

Mostra Personale Arte e Pensieri: Antonella Pintauro

"La pittura è il mio volo, ed io non posso smettere di volare."  L'attività artistica di Antonella Pintauro inizia in giovane età.  Da autodidatta, l'artista si avvicina a quadri e pennelli dipingendo il mondo intorno a lei: fiori, prati e colori . . . tanti colori, perché il colore è il vero protagonista comune in tutta la sua produzione artistica.  Un colore pastoso, corposo e al contempo leggero, dipinto con il pennello dalle ampie setole, mai pulito ma sempre mischiato con molti altri colori.  È proprio dall'insieme confuso degli elementi e dagli impasti irruenti ed estemporanei che sono nati i quadri più belli della sua produzione.  Un altro elemento che sicuramente caratterizza i suoi quadri è la spontaneità della creazione. Antonella, infatti, è prima d