Passa ai contenuti principali

Arte e Natura di Arturo Festini


Pausa estiva terminata, giusto una settimana per staccare la spina e ricaricare le batterie, e subito pronti a ricominciare con il consueto ritmo.
La pausa di una settimana mi è servita anche per guardarmi un po' intorno, per andare per mercati, per curiosare, per chiacchierare e per fotografare.

Proprio in una di queste mie scorribande, durante la festa di Ferragosto organizzata a Sesto, in Val Pusteria, ho incontrato Arturo Festini e ho potuto ammirare le sue opere. Sono stata attirata verso il suo stand dai colori delle montagne dei suoi quadri per scoprire, con grande stupore, mano a mano che mi avvicinavo, che si trattava di quadri composti con foglie essiccate, che accostate, sovrapposte e abilmente miscelate. rivelavano dei suggestivi paesaggi.

Non ho potuto non scambiare qualche parola con il signor Arturo e porgergli qualche domanda.

La curiosità è tanta, non so davvero da che parte cominciare. La mia prima domanda non può che essere questa: come nasce la passione per il mondo vegetale?


Con il venir meno degli impegni di lavoro mi sono dedicato a creare con le foglie, ma prima ancora la mia prima passione è stata la raccolta di minerali e soprattutto di fossili. Ho avuto modo di girare nel mondo per raccogliere queste testimonianze del passato. Unitamente a questo mi interessava anche il mondo vegetale. Osservando i colori della natura e le meravigliose sfumature delle foglie, mi è venuta la voglia di comporre, anziché con i colori a olio, con le foglie stesse.

Le sue creazioni sono, quindi, tutti quadri realizzati con le foglie?
Sì, ma con una tecnica mista, in quanto il cielo è dipinto con i colori ad acquerello o a tempera; sotto al cielo, invece, uso solo vegetali: foglie, licheni e, raramente, qualche fiore.


Tutto ciò che espongo è opera mia. Non solo compongo i panorami, ma realizzo anche le cornici in legno.

Come vengono lavorate le foglie? Che caratteristiche devono avere per poter essere utilizzate?
Le foglie devono essere raccolte in una giornata non umida e non piovosa. Appena raccolte devono essere messe a dimora tra giornali e con un peso sopra.
Dopo 15/20 giorni va controllato che non ci siano muffe, perché la presenza della muffa renderebbe la foglia inutilizzabile. Dopo questo controllo vanno ancora conservate per 8/9 mesi. A questo punto le foglie sarebbero pronte per essere utilizzate.
Io, in realtà, utilizzo per i miei quadri foglie raccolte 3/4 anni prima in modo tale da essere sicuro che colore e tonalità non possano più mutare e la loro essiccazione sia perfetta.
Chiaramente bisogna avere l'esperienza di scegliere le foglie giuste, perché non tutte le foglie si prestano a essere essiccate.Le foglie essiccate sono molto delicate.

Che accortezze bisogna avere per conservare nel migliore dei modi i suoi quadri?
L'unica accortezza che si deve avere con un quadro del genere è di non metterlo in modo tale da fargli arrivare la luce diretta del sole, perché l'esposizione rovinerebbe il colore delle foglie. La luce indiretta e l'umidità, invece, non rischiano di danneggiare il quadro.
In casa mia conservo ancora i primi quadri che ho realizzato con questa tecnica e per me sono intoccabili!


Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.