Passa ai contenuti principali

Reseda Orrù: dalla pittura alla gioielleria e ritorno

Ogni gioiello è una scultura in miniatura.
(Anonimo)

Sono sculture, micro sculture di argento, quelle che hanno attirato la mia attenzione sotto i portici di Eataly.
Sculture gioiello realizzate da Reseda Orrù.
Pittrice, scultrice, orafa, Reseda non ha mai abbandonato la passione per la pittura, ma anzi ha deciso di allargare le tecniche espressive con l'uso di materiali eterogenei.
E' stato bello e molto interessante parlare con lei per poter scoprire un po' della sua arte.

Il tuo può essere definito un viaggio dalla pittura alla gioielleria. Ci racconti un po' di questo viaggio? Quali sono state le tappe della tua evoluzione artistica?
Ho iniziato da bambina disegnando e copiando quadri e foto, è sempre stato il mio “rifugio privato”, dove trovo calma e equilibrio.
Oltre al disegno ho iniziato a intagliare le saponette di casa con forme femminili, che poi regalavo.
Dopo il liceo ho scelto un corso di oreficeria classica, che mi ha dato le basi della costruzione a banchetto, che ho poi perfezionato lavorando in vari laboratori di Roma e dei Castelli.
Frequentando questi laboratori ho imparato altre tecniche come il Cloisonnè.
Seguire un corso di modellazione della cera è stato, però, fondamentale: ho ritrovato la passione per la scultura e ho iniziato a creare sia piccoli oggetti da indossare che figure femminili stavolta da trasformare in bronzo.


Comunque quando posso torno all'antica passione per i colori. Mi piace contaminare la pittura con altri materiali, ad esempio con i sassi.


Quali sono i modelli ai quali ti sei ispirata?
I classici, sia in scultura che pittura, perché, comunque, ricerco una armonia nelle forme e nei colori. Ho eseguito qualche "copia d’autore" tra cui "Angelo della vita" di Segantini, che è un quadro che amo in modo particolare e, riproducendolo, ho voluto, in qualche modo, assimilarlo.


Altra fonte di inesauribile ispirazione è la natura: dagli animali alle piante alla struttura geometrica innata in ogni forma di vita.



Se dovessi scrivere la storia di un tuo gioiello cosa racconteresti? Quale è la scintilla che ti fa cominciare a creare? Come prende forma l'idea?
Spesso voglio dare forma a una sensazione, un movimento come quello delle onde che ha dato vita a un anello …


… o le strutture ossee che possono essere richiamate in alcune lavorazioni in cera.

Quale è il materiale che tu preferisci lavorare e quale la tecnica con la quale tu ti trovi più a tuo agio?
La cera mi permette di dare forma sia a figure classiche che astratte e mi permette di creare cose che partendo dal metallo avrei più difficoltà a realizzare.

Hai lavorato alla realizzazione di tele che hanno fatto da scenografia allo spettacolo musicale Wii 2r3 di Trafficarte. Quali sono le difficoltà di realizzare un lavoro del genere? 
Un lavoro su commissione, che deve dare risalto e accompagnare la musica, in che modo esalta la creatività di chi lo esegue?
Wii 2r3 è stato un esperimento entusiasmante, mi hanno lasciata libera di giocare con i colori e le sensazioni, era anche la prima volta che lavoravo con tele piuttosto grandi e il fatto che fossero scenografie mi ha portato a realizzare un effetto astratto di colori in modo da non invadere troppo la scena.
I colori delle tele avevano dominanti diverse a seconda della luce che illuminava la scena e con la musica creava un effetto interessante. Mi piacerebbe che l’”esperimento” si ripetesse.



Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.