Passa ai contenuti principali

La legenda di Babbo Natale


Il giorno di Natale si sta avvicinando e io non posso non farvi questa domanda: chi è Santa Claus?
Non vale come risposta "nonno vestito di rosso e con la barba finta", sappiatelo!
Se volete, posso raccontarvi io le origini della legenda...
Le origini di Santa Claus, come è stato rinominato dagli americani, risalgono al periodo Cristiano. 
In realtà il primo personaggio a cui è astato accostato fu San Nicola di Bari (o di Mira), un vescovo cristiano vissuto nel IV secolo. 
Mira era una città turca e provincia dell’impero bizantino che corrisponde all’attuale Anatolia. Il vescovo era noto per le sue grandi elargizioni di denaro e doni ai più poveri e oltretutto aveva fornito alle tre figlie di un cristiano povero e molto devoto una enorme dote, evitando che finissero per prostituirsi. 
Nei Paesi Bassi, in Belgio, in Austria e in Germania viene ancora rappresentato con abiti vescovili e con una folta barba. Le spoglie di San Nicola di Mira vennero poi trasferite a Bari dove fu costruita una Basilica in suo onore nel 1087.


Il personaggio che conosciamo in molti nella modernità è un vecchio signore pienotto, con vestito rosso e barba bianca, che porta  di doni. La sua immagine deriva per lo più da immagini pubblicitarie americane.



Il nome di Santa Claus è da ricondursi al nome Nicolaas, anch’esso molto conosciuto nella cultura olandese. Per gli Olandesi è dunque Sinterklaas a portare i doni ai bambini durante la vigilia di Natale.  


Gli abiti di Sinterklaas sono molto simili a quelli vescovili e il richiamo al personaggio di Mira è sempre molto visibile. Secondo la tradizione olandese però egli cavalcherebbe un cavallo bianco che vola sui tetti durante la fatidica notte santa; i suoi aiutanti scendono nei comignoli per lasciare doni ai bambini.
Lo so che ormai avete preso gusto alla storia e volete conoscere anche dove vive tutto l'anno Babbo Natale?
Per andare a trovare Babbo Natale bisogna attraversare il Circolo Polare Artico e dirigersi verso Rovaniemi, in Lapponia (Finlandia).
Poiché la posizione della casa originale di Babbo Natale, Korvatunturi, è un segreto gelosamente custodito, ha deciso di creare la sua base, che potrebbe ricevere tutti i visitatori interessati, a Rovaniemi e nel Circolo Polare Artico nel 1985. Rovaniemi è diventata la città natale ufficiale di Babbo Natale nel 2010.
Durante i suoi oltre 30 anni a Rovaniemi, Babbo Natale ha ricevuto milioni di visitatori nel Villaggio dei laboratori di Babbo Natale, tra cui pop star, politici, volti televisivi, atleti e gente comune da tutto il mondo. Il suo quartier generale nel Circolo Polare Artico è diventato familiare a una folla ancora più grande grazie all'attenzione dei media internazionali.


Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza. 

Mostra Personale Arte e Pensieri: Antonella Pintauro

"La pittura è il mio volo, ed io non posso smettere di volare."  L'attività artistica di Antonella Pintauro inizia in giovane età.  Da autodidatta, l'artista si avvicina a quadri e pennelli dipingendo il mondo intorno a lei: fiori, prati e colori . . . tanti colori, perché il colore è il vero protagonista comune in tutta la sua produzione artistica.  Un colore pastoso, corposo e al contempo leggero, dipinto con il pennello dalle ampie setole, mai pulito ma sempre mischiato con molti altri colori.  È proprio dall'insieme confuso degli elementi e dagli impasti irruenti ed estemporanei che sono nati i quadri più belli della sua produzione.  Un altro elemento che sicuramente caratterizza i suoi quadri è la spontaneità della creazione. Antonella, infatti, è prima d