Passa ai contenuti principali

Only Pet. Quando la creatività è riciclo


Riscarti è una piattaforma disciplinare sui temi green. Il festival nasce a Roma nel 2013 dalla necessità di portare avanti un messaggio ecologista, credendo che l'arte sia il veicolo più efficace per l'educazione ambientale. Un festival intento a ridisegnare l’idea di inutile, di avanzo. L’eccesso e il rifiuto riutilizzati, riqualificando materia e pensieri, vittime della miseria consumistica o del fluire del tempo.
E proprio grazie a Riscarti ho incontrato Martina e Nicoletta.



Sono mamma e figlia e hanno come mission quella di riutilizzare il PET come materiale per le loro creazioni artistiche.

Cosa si può realizzare con qualche bottiglia di plastica colorata, tanta fantasia, tanta pazienza e una fonte di calore? Tutto ciò che la fantasia concepisce!
Loro, carinissime, hanno acconsentito a rispondere alle mie domande.

Per voi creatività è...?
Per noi creatività è...fare di tutto con tutto!! È dare una seconda vita a qualunque cosa ci passi per le mani, da una bottiglia ad un imballaggio, al riusare uno scarto o un avanzo... ed è anche trovargli un posto in casa! Ma soprattutto è la capacità di vedere in un oggetto delle nuove potenzialità, consuete od originali... perché poi realizzare quello che si ha in testa è tutto un altro paio di maniche!

Come e quando nasce la passione?

La passione nasce un po' da sempre... nel corso della nostra "amicizia" abbiamo sempre messo le mani in pasta e probabilmente la sua origine è il gioco e la voglia di fare le cose insieme. E in fondo condividere è una forma di amore non dissimile alla passione.

Come mai la scelta di utilizzare oggetti di riciclo? E perché proprio il PET?
Oggetti di riciclo...perché il divertimento per noi è sempre stato proprio il riciclo.
A volte ci capita che la funzione "primaria" di un oggetto sia molto meno interessante di quella "secondaria" che può avere una trasformazione o una modifica... e anche una passione può diventare una "pazz...ione"!! Il PET... un po' per caso e un po' perché riuscire a trasformarlo assicurava una miniera inesauribile di materia prima... perché ci capitava di raccoglierlo via da una spiaggia o da un prato... perché è un oggetto di tutti i giorni che semplicemente buttato ha un impatto fortissimo sull'ambiente... vedere la reazione entusiasta di fronte alle nostre creazioni di amici e parenti ci ha fatto capire che forse le bottiglie potevano essere il mezzo giusto per far capire alle persone e soprattutto alle nuove generazioni che i gesti quotidiani fanno la differenza. E quindi insieme ad un oggetto stavamo cercando anche un "seme"...e quel che semini raccogli!

Come è avvenuto l'incontro con "Riscarti"?
Ci siamo conosciuti partecipando ad un Festival del Riciclo organizzato nel 2014 proprio dal Riscarti e continuiamo felicemente a collaborare, perché si condivide non solo la passione per il riciclo in sé, ma anche il divulgare in forma d'arte un messaggio.

Quali sono i vostri prossimi impegni?

Il nostro impegno è continuare per la strada intrapresa partecipando a eventi e festival, stare in mezzo alle persone e condividere passioni e idee.


Nonostante gli impegni e le mille cose da fare non possiamo più fare a meno della carica e dell'energia che ti danno l'entusiasmo delle persone o la meraviglia dei bambini.

Commenti

  1. E questo è stato il primo post tuo ad essere su Vite a regola d'arte!!!!
    Emozione a rivederlo ...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…