Passa ai contenuti principali

La storia di Teddy l'Orsetto Urbano


Chi è Teddy?
Lui si definisce un "Orsetto Urbano che si nutre di rifiuti e caramelle". In realtà Teddy è un artigiano e artista del riciclo. La sua missione è trovare oggetti in disuso e trasformarli i gioielli.
Cosa nello specifico?
A Teddy piacciono le posate, specialmente quelle d'argento. Posate che tra le sue mani si trasformano in monili.
Le serrature che un tempo custodivano preziosi tesori, ora si trasformano in collane, bracciali e orecchini.




A Teddy ho fatto qualche domanda per conoscerlo meglio.

Creativi si nasce o si diventa? Cosa vorresti che i lettori conoscessero di te e della tua arte?
Penso che creativi si nasca. Devi avere una predisposizione per inventare, creare, vedere in un oggetto in "disuso" un'altra possibilità di nuova vita.
Col tempo e la pratica si può diventare bravi artigiani esecutori, ma le idee e la creatività non te le insegna nessuno ... o le hai o non le hai.
Mi piacerebbe che i lettori capissero, in quello che faccio, che ogni oggetto ha un'anima e se non serve più per una cosa può servire per un'altra...


Tu sei un artigiano del riciclo. Cosa ti ha portato a vedere le posate con occhi diversi?
Non è un'idea mia, risale al XVII secolo. I servi nelle Colonie francesi rubavano al padrone un cucchiaino d'argento per trasformarlo in anello da regalare alla fidanzata. Mi piace l'idea di utilizzare oggetti che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni. Le posate in argento, poi, sono destinate a morire dimenticate nei cassetti. Hanno una storia da raccontare ed è giusto che possano farlo ancora trasformate in gioielli.


Hai modelli a cui ti sei ispirato e perché?
Nessun modello in particolare, anche se tutti mi riconducono a Munari che ha fatto le "forchette parlanti", ma che non c'entrano niente con i gioielli.

Dove nascono i tuoi progetti?
I miei progetti nascono per strada, in laboratorio, a casa, al mare ... ovunque.
Fortunatamente il materiale che uso può essere recuperato e lavorato necessariamente senza grossi macchinari... quindi quando mi viene un'idea nuova la realizzo quasi all'istante.

Se tu potessi suggerire un'idea per valorizzare gli artigiani contemporanei cosa suggeriresti?
Più spazi espositivi, ci sono un sacco di edifici e negozi chiusi e sfitti. Sarebbe bello avere la possibilità di poterci lavorare ed esporre.
Mi piacerebbe anche che ci fossero circuiti di mercatini solo artigianali.

Post in collaborazione con Angela Ladiana.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza. 

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg