Passa ai contenuti principali

Paesaggi di legno e piccole magie


C'era una volta, in un mondo incantato, una folletta che tanto buona non era, anzi, a dire la verità era molto dispettosa.
Questa folletta, un giorno, decise di fare uno scherzo a dire il vero non tanto divertente, ma molto, molto spettacolare.
Con il suo funghetto magico andò in paese, tirò fuori dalla tasca la sua polverina scherzina e si mise all'opera.

"Scherzino, scherzetto è tutto in

legno il mondo perfetto"

E così tutto si trasformò in legno.
Due tennisti rimasero bloccati, mentre giocavano la loro partita.


Il gatto rimase senza formaggio.


I panni rimasero stesi al sole.


Il mondo si fermò.
Dite che non è possibile una cosa del genere?
Dite che non esiste un folletto capace di fare un simile scherzo?
Ma state scherzando, vero? Certo che esiste! Si chiama Sonia e queste sono solo alcune delle sue creazioni artigianali.

Ho incontrato Sonia nel Mercatino degli Artisti ospitato sotto i portici di Eataly a Roma e, molto contenta di averla conosciuta, ho potuto farle qualche domanda.
Sonia, oltre a realizzare quadri-sculture in legno, realizza anche gioielli realizzati con la tecnica della cera persa e, utilizzando sempre questa antica tecnica, anche dei curiosi e originali ciondoli in argento.


Sì, avete visto bene: sono i "tartufi" dei nostri amici cani.

Parlaci un po' di questi particolari monili. Come ti è venuto in mente di realizzare dei ciondoli del genere e come riesci a realizzarli?
Non è una mia idea originale, questa, ma americana.
Prima di tutto realizzo con la gomma siliconica il calco del tartufo del cane. Ci vogliono pochi secondi e non è tossica per il cane. Questo stampo è il "negativo" del ciondolo. Con la cera e l'utilizzo della tecnica della cera persa si fa la fusione in argento. Per scurire l'argento lo tratto con dell'acido.

I tuoi lavori sono di argento, legno e anche cemento: quale materiale preferisci lavorare?
L'argento per i gioielli.
Per tutto il resto preferisco usare pallet e legno di riciclo.
L'uso del cemento, invece, è una sperimentazione che mi sta dando molta soddisfazione, perché lo stile industriale mi piace molto.


Lavorando con pezzi di riciclo, nasce prima l'idea o il progetto è consecutivo rispetto al reperimento del materiale?
Tutto è iniziato perché ho trovato una radice particolare e da questa è nato il primo paesaggio.
Da lì in poi, devo dire, che è sempre stata l'idea a dare il via alla realizzazione.

Per te creatività è?
La mia valvola di sfogo, il mio modo per sfogare quello che ho dentro.


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg

Uno sguardo su Paola Lusuardi

L'iperrealismo è un movimento artistico nato negli Stati Uniti intorno al 1970, caratterizzato dalla ricerca di riproduzione mimetica della realtà attraverso non solo l’impiego di mezzi fotografici o meccanici, ma anche, e soprattutto, l’abilità esecutiva dell’artista nella raffigurazione delle immagini reali. Oggi vi voglio raccontare l'iperrealismo attraverso le opere di Paola Lusuardi. Quello che mi ha colpito subito quando ho visto i suoi ritratti sono stati gli occhi grandi, limpidi pieni di luce e di profondità .  Occhi che esprimono sensazioni ed emozioni; sguardi e gesti che richiamano la viva realtà della vita. Paola Lusuardi vive e lavora nella città di Correggio (RE).  Artista autodidatta, nel corso degli anni si è specializzata presso l'Accademia di Belle arti di Bologna nell’ambito della riproduzione della figura umana di matrice iperrealista.   Con le sue opere sfida il mito della bellezza, la sua arte figurativa è di grande fascino e i suoi ritratti iperreali