Passa ai contenuti principali

Andrea Marchetti e i Labirinti Urbani


Le sue foto di Andrea Marchetti erano ospitate all'interno della mostra Infiniti Labirinti curata da  Aurora Bolandin e Flaminia Valentini.
L'incontro, che è avvenuto, a dire la verità, in modo un po' rocambolesco, si è rivelato essere molto piacevole e interessante.

Informatico per sopravvivere, fotografo per passione. Come nasce la passione per la fotografia?
Facendo foto. La passione nasce con la prima macchina fotografica che mi hanno regalato. Poi, nel corso degli anni, ho cambiato macchina, ho cambiato stile. Prima abitavo fuori città ed ero fotografo di nuvole e temporali. Poi mi sono trasferito in città e i miei soggetti sono cambiati, perché mi sono adattato al territorio.

Nasci come fotografo digitale?
Assolutamente nasco come fotografo digitale. Questo anche data la mia età e dato il fatto che non ho mai neanche deciso di investire nella fotografia analogica, per la quale servono anche grandi spazi, ma solo in quella digitale.

Che cosa è il fisheye?
E' un obiettivo che distorce le foto non mantenendo le linee dritte.
E' fatto a occhio di pesce ed è una bolla. Poiché ha una apertura grandangolare riesce a dare un effetto immersivo, dando l'idea di essere all'interno di ciò che si vede.


Quale tipo di paesaggio ti piace di più fotografare?
Le mie prime fotografie rappresentavano distese di campi e grandi nuvole nere e arrabbiate.


Ora sono affascinato dall'architettura degli spazi urbani.

Come mai la scelta del bianco e nero nelle foto portate a Paratissima?


Lo scorso anno ho partecipato con delle foto a tutto colore. Trovo, invece, che il bianco e nero sia molto adatto a rendere il senso di spirale delle architetture che ho fotografato.

Cosa caratterizza le tue foto? Quale è la tua impronta?
E' l'uso del fisheye che permette di fotografare architetture e spazi tendenzialmente stretti presi nella loro interezza.

Ti è mai capitato, dopo qualche tempo, di dire "possibile che questo scatto sia mio?"
Sì, mi succede sia in positivo che in negativo.
In positivo, avendo cambiato nel tempo lo stile delle mie foto, mi capita di dire "cavolo che cose diverse e belle che facevo".
Certo c'è anche l'accezione negativa, che mi porta a dire che tecnicamente le foto che scatto ora sono molto più belle.

Tu realizzi anche foto durante i concerti. Quale è il legame tra fotografia e musica?
Il legame è molto forte. La musica e la fotografia sono due mie grandi passioni e facendo fotografie di concerti le ho messe insieme.


Ascoltare concerti a pochi metri dal palco, facendo foto, credo che sia il massimo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.