Passa ai contenuti principali

A Paratissima si avvistano oggetti non identificati



Mamma, ma gli UFO esistono?”
Perché cucciolo lo vuoi sapere?”
Perché voglio avvistarne uno e diventare famoso come avvistatore di UFO
Beh, guarda, nel cielo è poco probabile che tu ne possa avvistare uno però, sai, potresti trovarlo in qualche casa”.

Questa è l’insolita chiacchierata che ho fatto con mio figlio qualche giorno fa.
Già, ma come fanno, vi chiederete voi, ad entrare gli UFO dentro alle case? Neanche nel più fantasioso dei film di fantascienza è mai stata possibile una cosa del genere. Sto imparando, in questa mia avventura nel mondo degli artigiani, che tutto è possibile per quanto delle volte possa sembrare improbabile.
A Paratissima, infatti, mi sono imbattuta in strane lampade a forma di UFO e in Paolo Sansalone. Grazie a lui il mistero degli UFO nelle case si è risolto. 

16128675_10202772642434970_2097236407_n

Come avete cominciato a realizzare delle lampade di design?
Tutto è cominciato per scherzo. Qui vediamo l’evoluzione di un prodotto, che ha alle spalle un anno di sperimentazioni. Inizialmente era tutto più semplice poi, a poco a poco, si sono inseriti altri elementi come il toretto e gli skyline.
 
Le vostre lampade hanno la caratteristica di avere l’accensione magnetica. Che cos’è e come funziona?
L’accensione magnetica è una delle caratteristiche delle lampade. Le lampade hanno un corpo illuminante, che viene acceso non tramite interruttore, ma tramite contatto. C’è un magnete all’interno della base che ci permette, avvicinando il toretto, di accendere le lampade. I toretti, che sono i nostri interruttori, sono interscambiabili. Perché la lampada si accenda, bisogna trovare il punto di accensione sulla base della lampada.

03

Di che materiale sono realizzate le basi delle lampade? A me sembrano di pietra.
No, non è pietra. E’ un cemento particolare che viene utilizzato per le piste di atterraggio degli aerei. Il vantaggio di questo materiale è che ci dà una superficie liscia e compatta ed è più facile, per noi, da lavorare rispetto alla pietra.
Per realizzare le basi delle lampade abbiamo creato uno stampo che accogliesse la parte elettrificata e l’accensione e che di fatto le “annegasse” dentro la base.
 
Invece i coni di luce…
Sono dei cristalli che abbiamo tagliato a misura. All’interno dei coni c’è il corpo illuminante.
 
Murakami scrive “Dove c’è luce deve esserci ombra, dove c’è ombra deve esserci luce. Non esiste ombra senza luce e luce senza ombra”. Quanto nelle vostre lampade è importante la luce rispetto all’ombra e viceversa?
È molto importante, la lampada è un oggetto che arreda la casa sia che sia accesa sia che sia spenta. Il fascio luminoso è abbastanza potente da poter proiettare l’ombra dello skyline sulle pareti, che diventa quindi anch’essa complemento d’arredo e arricchisce l’ambiente.



La vostra identità è quella di proiettare e di fare ombra, quindi?
Sì entrambe le cose.
 
Ora a cosa state lavorando? Quale sarà il vostro prossimo step?
Stiamo lavorando a delle lampade più piccole, che attualmente (a novembre 2016, N.d.A.) sono ancora in produzione.
 
Quale è la casa ideale per accogliere le vostre lampade? Voi dove le immaginate?
Sicuramente una casa moderna e che abbia un qualcosa di spiritoso e di allegro. Il nostro è un oggetto che deve arricchire. Può essere anche utilizzata come lampada da comodino, perché la luce che fa, va bene anche per lettura.
 
Oltre che a Paratissima dove possiamo trovarvi?
Generalmente ogni due mesi siamo per le vie del centro di Torino.

05

Stiamo cercando di allestire uno spazio espositivo, che però, per adesso, è soltanto un laboratorio.
 
Ufo Luce


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg

L'arte di Anton Cipollone

Le Facoltà di Architettura sono spesso luoghi di sperimentazione artistica; luoghi in cui le ispirazioni prendono forma. Se poi uno studente di Architettura, artista, si ritrova immerso nell'atmosfera del Faenas Cafè di Roma, in zona Portuense il mix è esplosivo! Ho ospitato qui sul blog i lavori di Anton Cipollone e sono contenta di potergli dedicare un intero articolo perché a me i suoi dipinti piacciono tutti! Lo ringrazio per aver risposto alle mie domande. Che cosa è per lei l’arte? Non è semplice rispondere. L'arte per me è un'urgenza. Quali sono stati i passaggi fondamentali della sua evoluzione artistica? L'unico passaggio fondamentale è il giorno in cui ho iniziato. Quale è il colore predominante nei suoi dipinti e perché? Ultimamente predomina il rosa ma non saprei spiegarne il motivo. Quale è il sogno sogno nel cassetto? Dove vorrebbe vedere esposta una sua opera? Vorrei vederla esposta in una chiesa sconsacrata. Che cosa vuol dire per lei essere creativi? Es