Passa ai contenuti principali

Le Palle: il gusto di dire bugie

lepalle1

Cosa sono le palle? 
Sono bugie bianche. Sono piccole dosi di ipocrisia quotidiana. Ognuno di noi ne dice in quantità e magari non se ne rende neanche tanto conto.
Ne esistono tante, tantissime, una per ogni occasione. Si dicono spesso con il sorriso sulle labbra, perché, alle volte, sono frasi così inverosimili, che è oggettivamente difficile rimanere seri.
Non mi dite che siete persone serie e che non avete mai detto una palla in vita vostra, perché non ci credo!

Che cosa è Le Palle.it
E’ un nuovo brand made in Italy, che nasce con il desiderio di destare un sorriso, ironizzando sulle piccole bugie quotidiane, che si usano per aggirare situazioni più o meno imbarazzanti.
Sono un antidoto al prendersi troppo sul serio e una spiritosa provocazione.
Ironia, sarcasmo e cinismo sono innati nell’uomo ed evolvono come specchio della società. Per questo motivo il progetto è in grado di perdurare nel tempo ed è in grado di adattarsi a diversi supporti e situazioni.

Io ho incontrato Roberto Balocco, ideatore e CEO di Le Palle.it a Paratissima lo scorso novembre. Lo stand era pieno di bugie stampate su cartone, stoffa, metallo. Mi sono tuffata in questo mondo di palle e ho rivolto a Roberto le mie domande.
 
Siete nell’area di Paratissima dedicata al design. Quanto vi appartiene questa categoria?
In realtà ci appartiene, perché l’abbiamo scelta noi. Uno degli aspetti che ci caratterizza è quello della progettazione. La nostra progettazione parte dalla grafica e il nostro è un prodotto, fondamentalmente, di grafic design. Non abbiamo inventato nulla di nuovo, abbiamo vestito con il nostro concept degli oggetti già esistenti.

Come è nata l’idea di scrivere le palle?
Perché ci siamo resi conto che, prima o poi, presto o tardi, le palle servono. 
lepalle5

In realtà vogliamo svelare l’ipocrisia che abbiamo un po’ tutti, ma che tendiamo a nascondere e a celare. L’idea è di cercare di portare un po’ di ironia e un po’ di buon umore.

Ce ne sono alcune fantastiche. Quale è la palla più divertente che avete realizzato?
Non c’è una palla, che possiamo considerare la palla perfetta. Una delle più divertenti e più gettonate è Non vedo l’Ora. 

lepalle4

Invece quella che voi vendete di più?
Al pubblico femminile piace molto la palla in formato maglietta Non ho mai niente da mettermi. 

lepalle2

Per voi la creatività è…?
E’ una domanda difficilissima e bisognerebbe essere creativi nel trovare una risposta. Sostanzialmente in tutti i nostri progetti l’ironia è sempre stata un tratto riconoscibile.

Dove si possono acquistare le vostre palle?
Esponiamo le nostre palle nei design market, dove ci sentiamo a nostro agio, e poi abbiamo una piccola rete di negozi, nei quali distribuiamo i nostri prodotti.

Io non vi ho ancora detto la mia palla preferita. Eccola qui! 
12391877_1709790419258758_1865479245859870127_n




Commenti

  1. WOOOW BELLISSIMEEEEE!!!... AHAHAHAHAHAH Bello anche ritrovarvi ogni tanto. Vi ho abbandonato :/ Ma giuro che... NON VEDEVO L'ORA di riabbracciarvi. E non è una palla :P

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.