Passa ai contenuti principali

Sogni nelle Mani - Merletti da sogno


Il tombolo è l’arte dell’intreccio di fili continui grazie all’uso di fuselli sui quali è arrotolato il filo.
Per secoli le sapienti mani di donne hanno intrecciato fili, creando dei capolavori di perfezione: i merletti a tombolo.
Un’arte antica, dicevo, che può essere fatta risalire all’epoca degli Etruschi.

A me il pizzo a tombolo ha sempre affascinato  molto. Sarà perché a me lavorare con i fili piace, sarà perché bisogna seguire delle geometrie, ma rimango incantata  e affascinata a vedere questo tipo di lavorazione.
Si lavora con il tombolo un po’ in tutta Italia.
A Isernia, capoluogo molisano, la signora Maria di Benedetto si è lasciata incantare dai fuselli e dalla maestria delle signore isernine.

L’introduzione del tombolo nella città di Isernia ha origini antichissime. Si fa risalire la sua diffusione al XIV secolo, ad opera di suore spagnole.
La regina Giovanna d'Aragona amava molto questo tipo di merletti, infatti durante il suo soggiorno nella città apprese la lavorazione da maestre locali.
La cosa che più contraddistingue il tombolo isernino rispetto agli altri è, oltre alla finissima fattura, un tipo di filo prodotto in zona, di colore avorio, che rende tutto il lavoro luminoso ed elegante.  


Tombolo fustelle e merletti. Come nasce la passione?
Io ho iniziato che avevo 5 anni. Vivevo in un piccolo paese del Molise. A Isernia avevo una sorella sposata e tutte le volte che mia mamma andava a trovare mia sorella mi portava.
A Isernia, dalla piazza centrale, si irraggiano dei vicoletti e in questi vicoletti le signore si mettevano a lavorare a tombolo.
Quello che a me ha affascinato non è stato il merletto, ma il fruscio che facevano i fuselli e che a me sembrava musica.
Da lì è nata la passione per il tombolo. 

Il ricamo e il merletto sono da collocare tra gli antichi mestieri. Quanto c’è di antico e quanto, invece, di moderno nei suoi lavori a tombolo?
Io l’ho un po’ modificato.  Si modifica prima di tutto nell’idea e poi dell’idea bisogna farne un progetto.  

Questo anche per far avvicinare un po’ i giovani, che difficilmente si avvicinano a progetti tradizionali, mentre sono più attratti da progetti moderni.

Quanto si avvicinano i giovani al tombolo?
Il problema non è dei giovani, ma dei genitori, che non li lasciano avvicinare alle antiche arti. Loro pensano che sia una cosa vecchia e finita e invece non è vero. Le nostre mani sono il nostro futuro. 

Io due mesi fa ho avuto un ordine di gioielli di 500 pezzi e ho dovuto rifiutare, perché non c’è mano d’opera. Noi abbiamo tante richieste, ma non c’è chi le realizza. Per questo il tombolo rappresenta un’ottima possibilità anche di lavoro.
In famiglia di solito si tramanda. Solo che non si lascia andare fuori dalla famiglia, si è gelosi delle tradizioni familiari. Così, se si hanno in famiglia giovani interessati, bene, altrimenti non si dà la possibilità a chi non è di famiglia di imparare. Io cerco, con la mia scuola di tombolo, di dare la possibilità a tutti.

Dove si svolge il suo lavoro?
Il mio laboratorio è a Largo Colli Albani. In giro per Roma sono ospitata nelle parrocchie di Monte Verde e di Monte Sacro, dove organizzo i miei corsi. Poi giro molto anche all’estero.

Che consiglio può dare a chi vuole approcciarsi al tombolo e che non sa nulla.
Passione e buona volontà.
La prima cosa è la passione: deve piacere. Poi c’è la buona volontà: con la buona volontà si può riuscire a fare tutto. 

Io sono una, che se il lavoro non viene come dico io, lo disfo. Si può disfare il tombolo?
Sì certo. Si è più veloci a guastare che a fare!

Per quanto riguarda la sua esperienza di artigiano, bilancio positivo o negativo?
Bilancio positivo  specialmente con la tecnica del tombolo applicata al gioiello.
Il lavoro non è tanto, però, soprattutto utilizzando filato prezioso, il risultato è eccellente. 

Quale è l’età di chi si dà al tombolo?
La più piccola ha 3 anni e mezzo e la più grande 93. Tutte le fasce l’età, sia uomini che donne. Bisogna avere le idee.

Ho promesso alla signora Maria, che la andrò a trovare nel suo laboratorio per provare anche io a intrecciare fili e a realizzare piccoli sogni con le mie mani.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg

Uno sguardo su Paola Lusuardi

L'iperrealismo è un movimento artistico nato negli Stati Uniti intorno al 1970, caratterizzato dalla ricerca di riproduzione mimetica della realtà attraverso non solo l’impiego di mezzi fotografici o meccanici, ma anche, e soprattutto, l’abilità esecutiva dell’artista nella raffigurazione delle immagini reali. Oggi vi voglio raccontare l'iperrealismo attraverso le opere di Paola Lusuardi. Quello che mi ha colpito subito quando ho visto i suoi ritratti sono stati gli occhi grandi, limpidi pieni di luce e di profondità .  Occhi che esprimono sensazioni ed emozioni; sguardi e gesti che richiamano la viva realtà della vita. Paola Lusuardi vive e lavora nella città di Correggio (RE).  Artista autodidatta, nel corso degli anni si è specializzata presso l'Accademia di Belle arti di Bologna nell’ambito della riproduzione della figura umana di matrice iperrealista.   Con le sue opere sfida il mito della bellezza, la sua arte figurativa è di grande fascino e i suoi ritratti iperreali