Passa ai contenuti principali

Food&Cake Design: quando il cibo diventa arte

WP-HSR-0217-ALBORINO-CAKE-COVER-900x444
Lo devo ammettere, devo fare outing, ho provato anch’io a realizzare delle torte decorate in pasta di zucchero con dei risultati, che è meglio non pubblicizzare troppo perché viravano paurosamente verso l’orrido, più che verso l’artistico.
Ho dovuto ben presto rinunciare all’idea di realizzare sculture in pasta di zucchero. Non è però scemata la mia curiosità verso il cake design né tantomeno la voglia di imparare e la speranza di poter realizzare, un giorno, qualche cosa di almeno decente.
Rimango sempre incantata a vedere il cibo, che si trasforma, pur mantenendo inalterato il gusto.
L’associazione di Food&Cake Design nasce proprio con lo scopo di diffondere l'arte in tutte le sue forme e in particolare pasticceria, decorazione e cucina.
Per l’edizione primaverile di Hobby Show  questa associazione è stata sempre presente e ha organizzato corsi e dimostrazioni, attirando sempre un notevole interesse.
Io  non potevo, nella mia passeggiata tra gli stand di Hobby Show Roma, non fermarmi a curiosare.
Ho trovato ad accogliermi Claudia Lucaroni, che gentilmente ha risposto alle mie domande.



Voi vi occupate di cake design
Sì, anche di altri tipi di lavorazione artistica di vario genere.

Qui vedo dello sculture bellissime di pasta di zucchero. Oltre che con la pasta di zucchero, quale altro tipo di materiale modellate?
Pasta di porcellana, ghiaccia reale.

Quale è il punto di unione tra arte e cibo? Quando il cibo diventa arte?
Il cibo diventa arte, quando c’è sperimentazione e si crea qualche cosa di unico. Nel caso del cake design si cerca di dare un aspetto particolare ai dolci, cercando di tirare fuori i desideri del committente e si cerca di dare tridimensionalità. 
Come è nata l’associazione?
La nostra associazione è nata dalla passione per l’arte e per il  food. La nostra fondatrice Daniela Alborini ama molto il suo lavoro e cerca di mettere insieme noi appassionati.

Come si diventa cake designer?
Il percorso varia da persona a persona. Io sono laureata in architettura. Quando sono diventata mamma, realizzando la torta per le mie figlie, ho scoperto questo splendido materiale e avendo dei concetti e una preparazione artistica di base ho cominciato a modellare pasta di zucchero. Poi basta un minimo di tecnica e tanto allenamento e si può arrivare tranquillamente a realizzare lavori di questo genere. basta un po’ di manualità. Ci vuole tanta passione. 
Che consiglio si può dare a chi vuole imparare l’arte del cake design?
Prendere il materiale e cominciare a lavorarlo.
Quando si prende confidenza con le forme base come il cilindro e il cono, che sono le forme base di cui tutti noi siamo dotati, poi paino piano si va avanti e si cominciano a modellare forme più complesse. 
Il mondo è una torta piena di dolcetti. Di che gusto è?
Beh, di pasta di zucchero.

Quale è il bilancio della vostra esperienza a Hobby Show?
Sicuramente positivo, è sempre bello lasciare qualche cosa agli altri.

Creatività è …
Fantasia.

Ognuno di noi, quando crea qualche cosa, lascia un po’ di se stesso. Tu cosa e quanto lasci di te stessa?
Tutto. Mi lascio veramente andare all’enfasi del momento, anche se poi alla base c’è la progettualità.

Voi lavorate soprattutto su commissione. Cosa vi chiedono maggiormente di realizzare? E quale è la cosa più particolare?
Di particolari ci sono le torte per gli adii al nubilato. Poi di fatto il mio compito è dare forma alla creatività di qualcun altro. L’unione delle due creatività è il punto di forza della riuscita del lavoro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.