Passa ai contenuti principali

Storie di arte e di ingranaggi con Ingranart


Dopo aver parlato di RiartEco come movimento di artisti, dopo essere andata a vedere la mostra ed essere stata trasportata nel mondo dell’arte e del riciclo, sono qui oggi che ritorno a parlare di arte, presentandovi una delle artiste, che ancora in questi giorni è in giro con la carovana artistica di RiartEco: Simona della Bella.
Non essendo riuscita a parlare con lei a Roma e non potendo recarmi a conoscerla a Milano, ho avuto con lei un bellissimo scambio epistolare.
Prima di raccontarvi cosa ci siamo scritte, vi spiego cosa mi ha colpito delle sue opere.
Sono rimasta affascinata dall’abbinamento di linee e curve, dalle geometrie, che gli ingranaggi formano.
Poi mi sono documentata e ho scoperto, che quella per gli ingranaggi e per il tempo è per Simona una vera e propria passione.

Come nasce la passione per gli ingranaggi?
L’ingranaggio esercita su di me un irresistibile fascino estetico grazie alla perfezione simmetrica delle sue forme, ma è soprattutto il suo potere evocativo quello che più mi affascina: il rimando a mani instancabili che lavorano, al mondo ingegneristico e manuale e al meccanismo di orologi antichi capaci di “racchiudere il tempo” nel movimento sincrono di magnifiche parti meccaniche.
Perché lavorare con gli ingranaggi di un orologio antico è un po’ come mettere le mani sul segreto del Tempo!
ingranart2
Che cos’è per te il tempo?
Il Tempo è creato per l’uomo, ma l’uomo non per il Tempo. Credo che qui stia il vero enigma del nostro rapporto conflittuale con il Tempo, da una parte Kronos, il tempo lineare, che ci trascina come un fiume in piena, e dall’altra la nostra ricerca del Kairos, il tempo che si dilata e perde nella sua unicità i riferimenti al quotidiano.
In questa mia ricerca, l’atto creativo mi rimanda ad un tempo proustiano, che può andare e tornare senza creare cortocircuiti in una dimensione spaziale fatta di emozioni, sensazioni, ricordi che si possono sempre ritrovare e mai perdere.
Del Tempo ho fatto il leitmotiv della mia arte, è la mia musa ispiratrice, lo ricerco e lo cerco in tutto quello che faccio, sculture, quadri, gioielli ...ingranart
Quali storie raccontano gli ingranaggi? Chi indossa questi ingranaggi porta con sé storie imprigionate. Secondo te, si dovrebbero conoscere queste storie oppure è meglio lavorare di fantasia?
In ogni ingranaggio, che recupero, leggo storie mai raccontate, immagino tempi di ricchezza ed istanti di inaspettata gioia, ma anche momenti d’abbandono e di solitudine; penso a secondi che non passavano mai o ad ore che sembravano avere velocità surreali ed oniriche.
Ho risvegliato con paziente amore, pezzo dopo pezzo, tutte queste storie che se ne stavano assopite dentro ad ingranaggi polverosi che nessuno usava più. È stato quasi magico poter riscattare questi tempi perduti.
È come se avessi deciso di scrivere tante storie, ma alla fine mi sono accorta che ne ho scritto solo gli inizi e poi li ho lasciati andare…. perché ogni gioiello aspetta un compagno che se ne prenda cura, uno sviluppo ed un finale.
Ogni gioiello aspetta. Continua ad aspettare. Come il Tempo.
Do un nome ad ogni mia creazione e, a chi me lo chiede, un inizio di storia, che narra immagini che mi hanno accompagnata durante la fase creativa di quell’opera … ma poi credo che la vera vita la diano e la possano spiegare solo le persone, che hanno scelto quel determinato gioiello.
ingranart4
Cosa vuol dire essere artista del riciclo?
Significa riscattare e ridare vita a qualcosa che non serve più, una sorta di potere taumaturgico … E’ anche vero che io sono sempre stata attratta da luoghi e da cose rovinate, consumate dal tempo, abbandonate, perché lasciano spazio alla mia testa di creare lo scarto con ciò che “potrebbero” essere.
Il fatto di partire da un qualcosa di abbandonato o trascurato è una sfida creativa interessante, perché le cose vecchie hanno davvero un’energia del tempo che, se ben gestita, può portare alla creazione di opere inusuali.
E’ una sorta di gioco del tempo sul tempo.
ingranart ritratto
Cosa vorresti che i nostri lettori conoscessero di te e della tua arte?
IngranArt è una produzione artistica di opere uniche realizzate con ingranaggi di vecchi orologi. Ho creato ciascun gioiello con ispirazioni e stimoli sempre diversi, ma tutti accomunati dalla presenza simbolica del Tempo, che sia esso un ingranaggio, un quadrante, una lancetta, una parte di una vecchia sveglia non più funzionante o la corona di una cipolla da taschino: vengono forgiati con le minuterie di vecchi orologi vintage o d’epoca, meccanismi con microrubini, quadranti sbiaditi dal tempo, lancette consunte, parti di vecchie sveglie o corone di una cipolla.
Per ogni singolo gioiello ho scritto una storia, che racconta a chi lo indossa il significato della sua simbologia, perché il Tempo vive in ogni creazione IngranArt e ne racconta una narrazione sempre diversa a chi lo indossa.
L’uso di materiali diversi (bronzo, argento, alluminio, ottone, fino alle leghe più contemporanee), abbinati alla presenza quasi costante della vite e del bullone, vogliono rimarcare una presenza “umana” di questo recupero del tempo passato, ma rivisitato in chiave contemporanea.
Proprio per questo le mie realizzazioni non hanno resine, come scelta della filosofia IngranArt, che vuole lasciare il tempo vivo, con i suoi segni e le sue cicatrici.
ingranart3
Cosa vuol dire essere creativi oggi?
Io credo che non si possa scegliere se essere creativi o no: credo che la creatività si esprima soprattutto nel nostro modo di vivere, di essere, è lo sguardo diverso che si ha sulle cose.
Mi accorgo ad esempio che quando guardo un capannone industriale dismesso, la mia ricerca della bellezza in fondo è già un atto creativo.
Quindi essere creativi oggi significa creare, divulgare, promuovere e condividere bellezza, che non è solo vuota estetica apparente, ma è portatrice di significati profondi, che possono davvero aprire spiragli di luce in un mondo dove regna incontrastato il grigiore dell’omologazione del gusto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza. 

Mostra Personale Arte e Pensieri: Antonella Pintauro

"La pittura è il mio volo, ed io non posso smettere di volare."  L'attività artistica di Antonella Pintauro inizia in giovane età.  Da autodidatta, l'artista si avvicina a quadri e pennelli dipingendo il mondo intorno a lei: fiori, prati e colori . . . tanti colori, perché il colore è il vero protagonista comune in tutta la sua produzione artistica.  Un colore pastoso, corposo e al contempo leggero, dipinto con il pennello dalle ampie setole, mai pulito ma sempre mischiato con molti altri colori.  È proprio dall'insieme confuso degli elementi e dagli impasti irruenti ed estemporanei che sono nati i quadri più belli della sua produzione.  Un altro elemento che sicuramente caratterizza i suoi quadri è la spontaneità della creazione. Antonella, infatti, è prima d