Passa ai contenuti principali

Art Design Factory: officina di idee in movimento


 Tutto nacque da qui. Da un ferma capelli a forma di matita.
Chi, come me, ha avuto per molti anni i capelli lunghi, non può non avere memoria del gesto di raccoglierli sopra la nuca e di fermarli con la matita o con la penna.
Erano i primi anni del 2000, quando Giuseppe Colucci si mise a modellare delle bacchette di plexiglass, scarto di un lavoro per un esame universitario, creando così il suo primo lavoro di design: Eva.
Certo che da allora Giuseppe di strada ne ha fatta tanta.
La cura minuziosa dei particolari, il contrasto delle forme e dei materiali, ma soprattutto il contrasto tra sentimenti ed emozioni rendono le opere di Giuseppe uniche.
Io ho avuto il piacere di conoscerlo a Torino durante Paratissima e sono stata trasportata come in un tornado di parole, spiegazioni ed emozioni.


Parola chiave del tuo lavoro è “contaminazione”. Come definiresti i tuoi lavori? Prodotti industriali o di artigianato?
Io sono a metà tra l’industriale e l’artigianato, perché utilizzo macchine dal forte contenuto tecnologico, ma le utilizzo come se fossi un artigiano.
Qui a Paratissima ho portato una selezione di lavori, dove c’è molta manualità e poco utilizzo dei macchinari.

Quale tipo di materiale utilizzi per le tue opere?
Io utilizzo molto il materiale di riciclo. Non solo per le lampade, che sono realizzate riutilizzando barattoli di latta, ma anche per i gioielli, che sono realizzati di acciaio e legno di ulivo recuperato dalle tavole di parquet.
Inoltre, tutte le scatole dei miei gioielli sono realizzate con gli scarti del packaging industriale.

Cosa hai portato qui a Paratissima?
Ho portato le lampade realizzate con scatole di tutti i tipi. Ho portato anche le scatole porta sigari o porta penne, che sono realizzate con gli scarti del  packaging e scarti di pelle di una azienda, che realizza giacche.
Per te riciclare vuol dire …
Vuol dire dare nuova vita, in modo elegante, agli scarti. Per me lo scarto è materia prima. Ogni cosa ha una seconda vita, se vista in un’ottica diversa.

L’idea di design di queste lampade come è nata? 
E’ sempre osservando, che nascono le idee.
Ogni volta che aprivo una scatola e la svuotavo del suo contenuto la mettevo su un pensile. L’idea era quella di utilizzarle, poi, in qualche modo.
Ho cominciato, poi, a sperimentare. Mi piacciono gli accostamenti tra materiali diversi. Ad esempio ho accostato alla lampada un tessuto damascato. Mi piace anche, per uno stesso progetto, utilizzare tecnologie diverse. Ogni lampada è formata da una scatola, dal tubo idraulico e dall’illuminazione al led. 
Mi piace sperimentare nuove tecnologie per realizzare oggetti di vario tipo.

Lavori anche su commissione?
Di solito lavoro a ruota libera. Mi piacciono però molto le collaborazioni. Ad esempio quella con Lodovica Paschetta, che ha rivestito alcune mie lampade con suoi quadri.

Come è nata questa collaborazione?
Ci siamo conosciuti tramite un’amicizia in comune. Lei fa cose molto colorate e molto gioiose.
Le ho proposto di dare una veste più simpatica e meno seriosa alle mie lampade. Lei ha realizzato qualche quadro apposta per le mie lampade.
Nel nostro lavoro è fondamentale lavorare in sinergia. Se uno diffonde l’idea con gli altri, nasce sempre qualcosa di bello. I progetti più belli nascono dall’unione di idee e dalla collaborazione di più persone.

Le tue lampade emanano anche luce colorata. Cosa rappresenta per te il colore della luce?
A me piace molto l’atmosfera e mi piace molto esaltare l’eleganza attraverso la luce.

Art Design Factory è anche una linea di gioielli.
A me piace molto il settore della moda. Mi piace molto l’abbinamento freddo/caldo e acciaio/pietra.
Da qui la collezione Stone Frame: ogni pietra, ogni sasso, che trovo, lo incornicio e lo rendo unico.
Stesso discorso di unicità vale anche per gli anelli, per i quali utilizzo legno d’ulivo.
Questo è ad ali di gabbiano.  E’ molto avvolgente e il contrasto caldo del legno e freddo dell’acciaio lo rende unico.

                                                                                

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza.