Passa ai contenuti principali

L'Arco Azzurro:quando si plasmano i sogni

Si può cominciare ad avere le mani in pasta per caso, da adulti, per curiosità. Si può cominciare da bambini spinti dalla fantasia e dalla voglia di realizzare il giocattolo perfetto, il personaggio della fantasia, che nessun altro ha mai inventato.
Alberto Giampieri rientra in questa seconda categoria di artisti.
Io ho avuto il piacere di incontrare Alberto nella limonaia piccola del Giardino Corsini. Era il primo giorno di apertura di Artigianato e Palazzo e ancora ero un po’ frastornata. Di certo non pensavo di trovarmi di fronte a tanta bellezza.  Anche se, come al solito, mi ero documentata prima della partenza e avevo visto le foto, mai mi sarei aspettata uno spettacolo del genere.
E’ veramente sottile la linea, che separa i suoi vasi dalla scultura, l’arte dal contenitore.


Da hobby a lavoro quanto è stato lungo il passo?
Ancora forse non ho completato il passo. La parte più artistica rientra nell'hobby, la parte più commerciale rientra nella sfera lavoro.

Come hai cominciato?
Ho cominciato da bambino. Poi i miei studi mi hanno portato da tutt'altra parte. Sulla mia strada ho, però, incontrato dei maestri che hanno affinato la mia tecnica e che mi hanno permesso di fare il grande passo da dilettante a professionista.
Da dove viene il nome del tuo brand? Perché L’Arco Azzurro?
Nasce dal percorso artistico, che ho cominciato da bambino. A me i giocattoli annoiavano e preferivo farmeli da me, modellando la creta.

I tuoi vasi sono modellati dalle tue mani: quanta progettualità c’è e quanta improvvisazione, invece, è dovuta all’estro del momento?
Da un punto di vista canonico bisognerebbe partire dalla progettazione: bisognerebbe fare il disegno su lucidi e poi passare alla modellazione.  Inizialmente anch’io facevo così, adesso invece l’occhio si è allenato e il gusto si è affinato e a prevalere, ora, è l’estro.
Artigiano, mago o artista?
Artista.  Mi sento più scultore e modellatore.

Che caratteristiche deve avere la casa ideale per ospitare un vaso del genere?
Questi vasi stanno bene sia in un ambiente moderno sia su un mobile classico. La differenza la fa la fantasia di chi posiziona il vaso.
George Braque dice Il vaso conferisce una forma al vuoto e una musica al silenzio. Cosa rappresenta per te il vaso?
Il vaso è una forma, che ha sia vuoto che pieno, e come una scultura ha luci e ombre.

Ci racconti la tua proposta per Fiori d’arancio?
Questo è un vaso più semplice rispetto agli altri, che sono un po’ più barocchi come decorazione ed è più adatta ad una giovane coppia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.