Passa ai contenuti principali

L'arte della vetreria artistica di Caleidos

 La tecnica della vetrata consiste nel collegare tra loro, mediante un reticolo fatto di piombo, numerosi pezzi di vetro colorato, in modo da configurare immagini o motivi ornamentali. Questi diventano visibili in controluce, tra giochi di trasparenze.
Nel periodo dell’arte gotica, a partire dal XIII secolo, furono realizzate splendide vetrate per chiudere le grandi finestre delle altissime cattedrali: da esse cascate di luce colorata si riversavano sui fedeli, illuminando scene e storie della Bibbia.
Sarà perché ogni volta penso alla suggestione delle cattedrali gotiche, sarà perché mi affascina la luce che oltrepassa il vetro colorato e ne riflette le sfumature, ma io ad Hobby Show, la scorsa primavera, mi sono fermata incantata davanti allo stand di Caleidos – Vetrate D’Arte.


Caleidos, letteralmete di bell’aspetto, non poteva che essere un nome perfetto per uno studio d’arte specializzato in vetrate artistiche. Tutto lo stand è una perfetta armonia tra colori e forme. Anche le scaglie di vetro trovano una loro armoniosa collocazione in cornici, ciondoli e orecchini.
A fare da padrona di casa ho trovato la signora Sonia e a lei ho rivolto le mie domande.

L’arte delle vetrate artistiche viaggia tra sacro e profano. A voi quale ambito  piace di più? Dove riuscite ad avere più soddisfazione professionale?
Sono tutti e due ambiti interessanti, perché trattano argomenti e temi diversi. Si possono variare stili in relazione a quello che si vuole fare quindi è sempre una ricerca e una nuova scoperta.



Come è iniziata la passione per il vetro e per le vetrate?
Tutto è cominciato all’Istituto d’Arte e poi tramite l’esperienza lavorativa. Abbiamo lavorato tanti anni in una grossa azienda di vetrate artistiche e arredamento sacro e questo ci ha permesso di avere una grossa preparazione in questo ambito. Poi, via via, anche nell’ambito dell’arredamento.
Nei lavori su commissione cosa vi viene richiesto?
Le richieste che ci fanno sono le più svariate. Le nostre creazioni possono essere inserite su porte, su finestre, su divisori, possono essere usate per l’illuminazione della casa. I modi di utilizzo sono molti.
I lavori con mosaico fanno sempre parte della vostra produzione?
Usiamo il mosaico prevalentemente per i nostri corsi. Cerchiamo di insegnare l’arte del mosaico attraverso corsi tenuti da artisti specializzati. Teniamo anche corsi di pittura.
Le iscrizioni ai nostri corsi sono aperte tutto l’anno e senza limiti di età. Ogni corso, infatti, è costruito sullo studente e sul suo progetto individuale.
C’è chi si iscrive per imparare una nuova tecnica, chi per approfondirla, chi per realizzare, con il nostro aiuto, un oggetto particolare.
Quindi la lavorazione a mosaico non fa parte della vostra produzione?
Sì, ma in minima parte.

Quali sono le maggiori difficoltà, che si incontrano nel vostro ambito?
La richiesta è, rispetto agli altri anni, moderata,  ma riusciamo a coprire una buona fetta di mercato, perché realizziamo cose particolari, che non si possono trovare nei negozi.

E per quanto riguarda i materiali?
È un continuo studio e una continua ricerca soprattutto nei disegni.
Se potesse scegliere, dove vorrebbe vedere esposta una delle vostre vetrate?
In qualche museo importante.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg

Uno sguardo su Paola Lusuardi

L'iperrealismo è un movimento artistico nato negli Stati Uniti intorno al 1970, caratterizzato dalla ricerca di riproduzione mimetica della realtà attraverso non solo l’impiego di mezzi fotografici o meccanici, ma anche, e soprattutto, l’abilità esecutiva dell’artista nella raffigurazione delle immagini reali. Oggi vi voglio raccontare l'iperrealismo attraverso le opere di Paola Lusuardi. Quello che mi ha colpito subito quando ho visto i suoi ritratti sono stati gli occhi grandi, limpidi pieni di luce e di profondità .  Occhi che esprimono sensazioni ed emozioni; sguardi e gesti che richiamano la viva realtà della vita. Paola Lusuardi vive e lavora nella città di Correggio (RE).  Artista autodidatta, nel corso degli anni si è specializzata presso l'Accademia di Belle arti di Bologna nell’ambito della riproduzione della figura umana di matrice iperrealista.   Con le sue opere sfida il mito della bellezza, la sua arte figurativa è di grande fascino e i suoi ritratti iperreali