Passa ai contenuti principali

Changing Atmosphere ... tutto si trasforma


Secondo un racconto di Plinio il vetro fu una scoperta accidentale dovuta ad alcuni mercanti fenici, che, sbarcati presso le rive del fiume Belo in Siria intorno al 5000 a.C, accesero un fuoco da campo ed usarono per appoggiare le loro pentole dei blocchi di nitrato prelevato dal carico che trasportavano.
...il natron, fondendosi per l'ardore del fuoco e mischiandosi con la sabbia della spiaggia, si vide un nuovo liquido trasparente formato da questo miscuglio...
Probabilmente questa è solo una leggenda, fatto sta che ancora oggi il vetro è tra i principali materiali usati per la conservazione di alimenti solidi e liquidi.
Il vetro ha anche la caratteristica di poter essere utilizzato per la conservazione più volte, perché è un materiale sul quale non rimane traccia, se ben pulito e trattato, dell’alimento conservato.
E’ innegabile, però, che questo materiale si presta molto per essere anche riutilizzato in ambito artistico.
Le bottiglie, una volta finito il contenuto, possono cambiare forma, cambiare destinazione d’uso e diventare oggetti d’arredamento.
Questo è il progetto di Changing Atmosphere: realizzare una collezione di oggetti in vetro, reinterpretando la bottiglia da vino.
Mi ha spiegato tutto per bene Guia Bartolozzi, architetto e designer, ideatrice del marchio Changing Atmosphere, che ho avuto il piacere di incontrare a Firenze in occasione di Artigianato e Palazzo.


Da bottiglia di vino a pezzo di arredamento, quale è la molla che fa scattare l’idea?
Il tutto nasce dall’attività di famiglia. Noi abbiamo una vetreria, che è leader nella produzione di contenitori in vetro, per cui siamo cresciute in mezzo alle bottiglie.
Poi ho studiato architettura e da lì è venuta l'idea di trasformare gli oggetti e di dare nuova vita alla forma della bottiglia. Volevo far diventare le bottiglie qualche cosa di più particolare e presentarle alle persone come oggetti di arredamento. Infatti, dopo il restyling, le bottiglie possono essere utilizzate come vasi per fiori o come porta candele.

Che tecniche usate? Come fate a tagliare le bottiglie?
Per tagliare le bottiglie usiamo una macchina ad acqua. Dopo il primo taglio viene fatta una prima rifilatura del bordo e poi viene fatta una seconda lavorazione per togliere la parte tagliente. Una volta tagliate,  vengono poi verniciate con effetto satinato. Infine le decoro.
Hai dei modelli a cui ti sei ispirata per le forme?
Io parto dalla bottiglia, cercando di farmi ispirare dalla bottiglia stessa.
Il mio lavoro comincia, eliminando quelli che sono gli elementi tecnici della bottiglia, come ad esempio le bocche.
Cosa contenevano inizialmente queste bottiglie?
Inizialmente, prima della trasformazione, contenevano vino.

Cosa vuol dire riciclare?
Riciclare vuol dire dare nuova vita a un oggetto, che prima serviva a qualcos'altro.

Cos'è per te la creatività?
Creatività è creare qualcosa di nuovo, nuove forme, nella maniera più semplice possibile.
Le bottiglie devono avere caratteristiche particolari per essere tagliate oppure sono semplicemente bottiglie?
Sono normali bottiglie e infatti ogni tanto si rompono. La rottura della bottiglia in fase di taglio dipende da come è stata lavorata originariamente la bottiglia. Quando si va a tagliare la bottiglia è sempre un po’ un’incognita.

Tema di quest’anno di Artigianato e Palazzo è Fiori d’Arancio. Quale è la tua interpretazione del tema?
Abbiamo preparato composizioni per i tavoli con i vasi bianchi e un allestimento più particolare sempre per il banchetto del matrimonio con le candele.


























Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.