Passa ai contenuti principali

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni


Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima.
Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.


Questo assunto, dicevo, vale per tutti gli artigiani e vale in modo particolare per Andrea Cadoni.

Perché?
Perché Andrea Cadoni è un artigiano sardo che realizza gioielli, particolarissimi, non legati alla tradizione orafa sarda, ma che nella loro essenza sono profondamente legati al territorio.
Andrea vive a Montevecchio, nel Medio Campidano, un posto immerso nella natura dal quale si possono raggiungere delle spiagge bellissime. È grazie al continuo contatto con la natura che nascono i suoi gioielli.
Il fulcro dei gioielli di Andrea Cadoni sono infatti le conchiglie, grandi e spesse, che raccoglie sulla spiaggia; la prima fase della creazione dei suoi gioielli è la ricerca, attenta e paziente della materia prima.
Ho avuto la possibilità di parlare con Andrea ad Artigianato e Palazzo nel maggio scorso.



Ci racconti un po’ di te? Quale è la tua storia di artigiano? Tutto ebbe inizio…
Ho studiato presso l’Istituto d’Arte di Alghero, poi la passione per la natura e il mare mi ha portato a scoprire la conchiglia. Provando a lavorarla, ho scoperto questa materia bellissima, ho perfezionato la tecnica e mi sono ritrovato tra le mani un lavoro che non fa nessuno.



Quindi tu crei gioielli fondamentalmente con conchiglie.
Sì. Io sono anche orafo, però il carattere proprio del gioiello, la sua forza, lo dà la conchiglia.
Parlando proprio di gioielli, hanno particolarmente attirato la mia attenzione gli orecchini, in particolar modo questi con i panni stesi.
Anche questi sono ispirati al quotidiano, quindi il mio scopo è riuscire a vivere  e trasmettere la poesia che la vita ci porta.
Anche se io non faccio propriamente artigianato sardo, la cultura sarda è nel mio DNA e naturalmente esce fuori, traspare, dalle mie opere.



La cosa che a me ha colpito nello stand e che mi ha fatto identificare i tuoi lavori come gioielli che vengono dalla Sardegna è la lavorazione a macramè dei cordoni di questi ciondoli.
Sì, in effetti, anche se la signora che realizza questi cordoni non è sarda, ma di Vinci, si è lasciata molto ispirare dalle geometrie e dalle lavorazioni sarde.



Ogni creativo nelle proprie opere lascia una parte di sé. Tu quale parte di te lasci nelle tue?
Al cento per cento l’anima.
I disegni come nascono?
Ogni conchiglia, ogni stato d’animo mi suggerisce un disegno.
La tecnica è quella del cameo?
No, è assolutamente diversa. Mentre la lavorazione del cameo è in basso rilievo, questo tipo di conchiglia mi permette di realizzare una lavorazione quasi tridimensionale.
Lì, a pochi palmi da me, isolata ed assente da tutte le altre conchiglie, sorpresi una ciprea.
Incagliata sotto un raggio di sole, puntava verso il mare, avvolta da un aria assente, vuota, che se fosse stata più vicino di un palmo, avrei sentito il vento suonare la sua cassa armonica.
Guardava verso il mare e ne sentii la nostalgia della profondità che potesse provare.
Mi sentii molto simile a Lei, in un solo momento, Lei era uguale a me.
Unica, illuminata e diversa da tutto quello che le stava attorno, e quell’ aria malinconica, di chi come me ancora non sa dove andare o rimpiange il dove era.
Io però, già sapevo dove sarebbe andata.
Sarebbe entrata nel vestito di argento che le avrei costruito, a sua perfetta misura e poi, con me, avrebbe camminato in terra quando io avrei camminato in terra, e nuotato di nuovo in mare, quando io in mare mi sarei tuffato.
Andrea Cadoni

Commenti

  1. Ho letto il tuo post e l'ho preso abbastanza informativo. Prima non riuscivo a trovare alcuna conoscenza al riguardo. Vorrei ringraziare per aver condiviso questo articolo qui. Accessori per bigiotteria fai da te

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.