Passa ai contenuti principali

Abilmente in mostra: Lungo la via Francigena

Non è abbastanza fare dei passi che un giorno 
ci condurranno alla meta,
ogni passo deve essere lui stesso uno meta,
nello stesso momento in cui ci porta avanti.
(Goethe)

Sono ad Abilmente e sono pronta a prendere la macchina del tempo, per fare un viaggio nel tempo con destinazione anno 1000 d.C.
La macchina del tempo è la mostra, presente in fiera, organizzata da Quilt Italia. Il perché la mia destinazione sia proprio l’anno 1000 è presto detto: il tema della mostra è la Lungo la Via Francigena, che vede la sua nascita proprio attorno al VII secolo, quando ci fu la necessità di collegare, tramite una via sufficientemente sicura, il regno di Pavia a Roma.

Una via, che intorno all’anno 1000 assunse un’importanza strategica per i pellegrini che volevano raggiungere Roma.
Originariamente era chiamata Via di Monte Bardone, ma con la dominazione longobarda, che lasciò il posto a quella dei Franchi, il nome venne modificato appunto in Via Francigena e proprio con i Franchi crebbe il traffico lungo la via che divenne transito di mercanti, eserciti e pellegrini.
E io, nei panni di un pellegrino, comincio il mio percorso.
Il mio viaggio è lungo e tortuoso, pieno di insidie e di tranelli, ma chiaro è il traguardo finale, il mio punto d’arrivo.
Tanti pellegrini sono passati prima di me e tanti ne passeranno ancora con il loro saio e il loro fardello.
Il viaggio è lungo, complesso e difficile, ma non c’è fretta, non è necessario arrivare rapidamente alla meta.
Lungo il percorso, poi, ci sono luoghi di accoglienza e di ristoro.


La strada è a tratti dissestata e non è per nulla facile percorrerla.

I viandanti che incontro si aiutano a percorrere la via con dei lunghi bastoni e spesso si fermano a parlare.

Il mio viaggio giunge al termine.
I piedi cominciano a farmi male, ma la felicità di raggiungere la meta non è quantificabile.
Prendo  di nuovo la macchina del tempo, ritorno al presente portando per sempre con me il ricordo di questo bellissimo viaggio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.