Passa ai contenuti principali

JS Embroideries: ricamo Haute Coutures

L’arte del ricamo ha origini antichissime.
In Oriente i ricami venivano utilizzati per decorare vesti fastose e nel Medioevo si affermarono anche in Europa, dove vennero impiegati non solo per impreziosire gli abiti indossati dagli imperatori, ma anche quelli liturgici.
A partire dal XIII secolo la moda del ricamo si diffuse sempre di più.



La Broderie de Lunéville, in particolare, è una tecnica di ricamo che prende il nome dalla cittadina di Lunéville, nella regione della Lorena. È un ricamo creato per abbellire con punti catenella tessuti  leggerissimi come il velo o l’organza, creando in questo modo disegni molto complessi.
In alcuni testi del 1300 sono riportati documenti attestanti la realizzazione di ricami con questa tecnica. Inizialmente questi ricami erano esclusivamente realizzati ad ago.
Nel 1850 il ricamo Lunéville venne rivoluzionato dall’introduzione, al posto dell’ago, dell’uncinetto kantan, che ne rese molto più semplice la realizzazione.
Questa tecnica di ricamo non conobbe crisi fino agli anni ‘20 del 1900, quando la depressione economica fece scomparire i posti di lavoro di ricamatori e ricamatrici.
Nel 1950, però, grazie a Christian Dior è tornato di gran moda e ancora oggi viene utilizzato come ricamo per l’haute couture.
Ad Abilmente, lo scorso novembre, ho avuto la fortuna di incontrare Jelena Saveljeva, ricamatrice, sviluppatrice dei ricami e insegnante di ricamo d’alta moda, nonché titolare di JS Embroideries.
Jelena insegna, sia formando gruppi in giro per l’Italia, sia nel suo laboratorio di Tortoreto Lido, in provincia di Teramo, la tecnica del ricamo Lunéville.
Io sono riuscita a parlare con lei alla fine di uno dei suoi corsi e la ringrazio per il tempo che mi ha dedicato.

Ci puoi raccontare del tuo progetto?
Io ricamo con un particolare ago, che si chiama uncinetto kantan, che serve per ricamare su organza di seta. Questo ricamo, che si chiama ricamo Lunéville, fino a poco tempo fa era impiegato solo nell’alta moda, ma recentemente si sta cercando di staccarlo dall’utilizzo esclusivo negli abiti haute couture, per cercare di conservare questa tecnica che pian piano sta sparendo.
In realtà tutto il ricamo a mano sta scomparendo. Io, con il mio lavoro, cerco di tramandare questa antica tecnica, realizzando non solo ricami per vestiti ma anche accessori, bigiotteria o ricami su tende.
Come ci si può avvicinare a questa tecnica?
Guardando dei video su Youtube già ci si innamora di questa tecnica. Io ho realizzato dei video introduttivi, che hanno proprio lo scopo di avvicinare il pubblico alla tecnica.
Poi, se si è rimasti affascinati, bisogna seguire dei corsi. Questa tecnica comunque richiede un po’ di manualità. È come prendere in mano una matita: l’uncinetto diventa il prolungamento della mano.

Tu come hai imparato?
Studiando. Mi sono innamorata di questa tecnica e ho cercato di impararla. All’Hand and Lock di Londra ho frequentato un corso di Haute Couture Surface Embellishment e poi mi sono perfezionata all’Ecole Lesage di Parigi, la scuola di proprietà di Chanel.
Che cosa è per te la creatività?
Creatività per me è libertà. La libertà di essere in un mondo dove non ci sono né limiti né obblighi.

Quale è il filo creativo dei tuoi ricami?
Dove il mondo ci mette dei limiti, io cerco di evadere con le farfalle.


Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza.