Passa ai contenuti principali

La luce si veste con abiti da sera

Non guardare se il tuo bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto. Guarda quanta luce c’è nel vetro.(Fabrizio Caramagna)

Quello di trovare il paralume perfetto è  uno degli annosi problemi che si devono affrontare, quando si arreda una casa o anche più semplicemente quando si ha avuto la fortuna di avere tra le mani una vecchia e bellissima base sprovvista – ahimè - del paralume originale. 
Per fortuna la creatività del signor Guglielmo D'Alfonso ci può aiutare.
Già, perché la sua è un’idea geniale: usare le perle di cristallo per rivestire lampadine, ventoline e paralumi.
L'effetto devo dire è strabiliante. Per la forza della magia creativa ogni lampada trova la propria veste scintillante e preziosa e non c'è arredamento o stile che possano impedire l'utilizzo di queste meraviglie.
Io, nel Giardino Corsini, sono letteralmente caduta ai piedi del signor Guglielmo nell'intento di farmi raccontare la sua storia.
Per fortuna mi ha soccorso con una sedia e la nostra chiacchierata è proseguita senza altri intoppi.

Come nasce la passione per la lavorazione delle perline di cristallo?
Mia moglie ha un negozio di arredamento. Una volta in negozio aveva un’applique con due grandi braccetti in alto e per coprire le due lampadine aveva messo dei paralumi in pergamena. La stessa lampada aveva anche, nella parte inferiore ,un piccolo braccino e per quella lampadina era impossibile mettere un paralume. Allora mi è venuta l’idea di rivestire quella piccola lampadina con delle sfere di cristallo, per creare intorno alla lampadina un piccolo vestito.

La mia idea è piaciuta e così ho cominciato a realizzare le vestine per le lampadine e poi ho continuato con le ventoline e con i paralumi.
Creare ventoline e paralumi è divertente, perché il cristallo filtra e sfaccetta la luce e soprattutto la sera l’effetto è molto particolare.
Ci può raccontare i retroscena del suo lavoro?
Tutto è una continua ricerca: le perline, che devono avere tutte la stessa dimensione, le basi, la struttura dei paralumi.

Come mai la scelta di perline di cristallo?
Le perline sono a contatto con le lampadine e il cristallo dà la sicurezza di sopportare il calore della lampadina.
Certo con le moderne lampadine al led questo problema non si pone, perché le lampadine non si surriscaldano, ma con quelle di vecchia generazione il problema c’è eccome!

Allora ricapitolando…
Le ventoline sono quei paralumi a metà, che sono solo sul davanti della lampada.
I cupolini sono paralumi a tutto tondo.
Poi ci sono le vestine delle lampadine.
Che cosa è per lei la creatività?
Per me creatività è divertimento. Se non si ha la voglia di divertirsi, non si è creativi.
La creatività è per sua natura ilare... chi crea ha una visione del mondo positiva… non si può vivere come una disgrazia tutto ciò che succede nella vita.

Quale è il suo progetto “fiori d’arancio”?
Mi sono divertito a creare un bouquet di fiori fatto con le gocce di cristallo di lampadari rotti.
























Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.