Passa ai contenuti principali

La xilografia secondo Xilocart

Oggi vi voglio raccontare una storia. La storia della xilografia, una delle più antiche tecniche incisorie.
E’ una storia lunga che comincia in Cina Nel I sec. e prosegue in Europa nel XV sec. una storia più complessa di quanto si creda. Il lavoro xilografico è tutto incentrato sul legno che viene tagliato, disegnato, inciso, impregnato di colore e infine viene usato come timbro su carta.
Pare facile detto così e invece non lo è affatto. La precisione, la minuzia dell’intaglio e la sovrapposizione dei colori fanno sì che le opere xilografate siano dei veri e propri capolavori.
La xilografia a colori raggiunse un altissimo livello in Giappone soprattutto nei sec. XVIII e IX portando anche fino a 20 il numero dei legni usati.
Le sue origini in Occidente rimangono imprecisabili. Probabilmente l’uso della carta è fondamentale spinta per l’utilizzo della xilografia.
Dopo l'invenzione di Gutemberg della stampa a caratteri mobili, la xilografia ha trovato un potente alleato per la sua sopravvivenze nel suo parente stretto, il libro, che, essendo per sua natura fatto per durare, ha salvato anche le immagini che vi erano inserite.
Non è quindi difficile trovare xilografie della fine del Quattrocento, ma si tratta sempre di tavole da libri.
Il periodo d’oro della xilografia come tecnica incisoria è da farsi risalire tra il Quattrocento e il Cinquecento, ma per fortuna, anche se con alti e bassi, questa tecnica è riuscita ad arrivare pressocchè immutata fino ai nostri giorni.

Io a Maggio, a Firenze, durante Artigianato e Palazzo ho avuto il piacere di incontrare Mariaelisa Leboroni.
Maceratese di nascita, da anni vive a Perugia. Da più di cinquanta anni si dedica all’all’antica tecnica della xilografia e più di 30 anni fa ha fondato la Xilocart, l’unica azienda presente nel settore della xilografia.
La particolarità della sua grafica è il risultato di una ricca esperienza e di un lungo processo artistico in continua evoluzione. Ha partecipato dal 1955 ad oggi, ad oltre duecento mostre collettive e ha tenuto settantuno rassegne personali in Italia e all’estero, dove le sono stati assegnati numerosi premi.
Ringrazio la signora Mariaelisa per la disponibilità nel rispondere alle mie domande.

Quanto c’è di antico e quanto, invece, di moderno neil suoi lavori?
La tecnica che utilizzo è una tecnica antica, mentre le immagini, i disegni sono moderni, anche se non sono astratti.

Alla base della xilografia c’è l’utilizzo del legno.
Esatto, la matrice dei disegni è incisa sul legno.
Che caratteristiche deve avere il legno?
Intanto non è quasi mai un unico pezzo di legno, perché il ciocco deve essere “tagliato per testa”, ma tanti pezzi assemblati insieme dopo che dal legno sono stati tolti i nodi. Poi il legno deve essere durissimo e deve essere inciso con i bulini. I legni più indicati sono quelli provenienti dagli alberi da frutto come ad esempio il pero. I blocchi di legno intagliati sono poi inseriti nel torchi tipografico a piano o a rulli.

Quali sono i colori predominanti nelle sue opere?
Tutti. Non sono mai colori puri perché poi io li mescolo. Nelle mie opere io uso molti colori e il colore finale viene fuori a seconda della necessità e a seconda delle sovrapposizioni.
Però ci saranno dei colori che le piace di più utilizzare.
Beh sì a me piacciono molto gli azzurri e i verdi. La natura, in genere, è quella che a me colpisce di più.

Su quali materiali è possibile realizzare stampe xilografiche?
Le xilografie si possono realizzare su carta e su tessuti.
Che cosa è per lei la creatività?
E’ qualche cosa che viene da dentro e che si manifesta, che viene fuori, spontaneamente.

Come ha imparato questa tecnica.
Ho frequentato l’Accademia delle Belle Arti. Uno dei miei insegnanti è stato Pietro Parigi.

Ci sono giovani che si avvicinano alla xilografia?
No. E’ un lavoro lungo, di pazienza che la gente non capisce.

E’ pessimista?
No non sono pessimista. Purtroppo è la realtà.
Le cose che lei vede qui esposte, per il progetto che c’è dietro dovrebbero costare un patrimonio, però la gente dice “in fondo è un pezzo di carta stampato, perchè dovrebbe costare così tanto?
La maggior parte delle persone non sa quanto lavoro c’è dietro a una xilografia perchè non sa più cosa c’è dietro a una xilografia.
Non può essere tutto negativo. Ci sarà chi apprezza il suo lavoro!
Gli apprezzamenti li ho dagli stranieri. Ho lavorato molto all’estero e lì ho avuto molte soddisfazioni.

Quale Nazione l’ha accolta meglio?
Sono stata accolta benissimo negli Stati Uniti e in Francia.

Ha preparato qualche cosa per il tema di quest’anno di Artigianato e Palazzo di quest’anno “fiori d’arancio”?
Sì ho preparato queste partecipazioni di matrimonio.



Commenti

  1. Bello. Capisco l'artista perché conosco la tecnica e ho visto personalmente il lavoro che c'è dietro. Lo trovo molto affascinante, proprio per la sua antichità.
    Marina

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.