Passa ai contenuti principali

Il mondo della piuma secondo Mazzanti Piume

L’immagine più bella, che io ho di una piuma, è quella della piuma bianca, che cade dal cielo in Forrest Gump. Mi piace e mi affascina proprio perché rispecchia in pieno la leggerezza, la poesia e la magia.
Ho ritrovato, con gioia, tutte e tre queste caratteristiche nello spazio della limonaia grande di Giardino Corsini, dove sono stata investita dall’entusiasmo del signor Maurizio Mazzanti.
In un batter d’occhio mi sono ritrovata con un cerchietto di piume in testa e con un boa al collo e, imbarazzo a parte, ho fatto un salto all’indietro nell’atmosfera degli anni ‘20-’30 del Novecento.
Se vi state chiedendo, perchè non vi mostro ora una mia foto mentre sono così abbigliata, sappiate che mai nessuno la vedrà!

Tornando invece alle piume, mai avrei pensato di vederne così tante e tutte insieme, mai avrei pensato che potessero essere così morbide e calde e che potessero assumere gradazioni di colore così incredibilmente belle.
Come inizia la storia di Mazzanti Piume? Ce la può raccontare?
Tutto ebbe inizio con mio nonno negli anni ‘30. Lui realizzava cappelli di piume per l’inverno e cappelli con i fiori per l’estate. Io non ho fatto altro che raccogliere questo filone nel momento più brutto, nel momento in cui la moda prediligeva delle grosse pettinature inadatte all’uso dei cappelli.

Così mi sono dedicato alla produzione per il mondo dello spettacolo. Ora con me lavora anche mio figlio, che sta dando nuovo impulso realizzando accessori per l’alta moda.
Oggi il nostro lavoro è apprezzato in tutte le parti del mondo.
Quale è la difficoltà maggiore che incontrate nel vostro lavoro?
Accontentare il cliente che, spesso, non ha la minima idea delle difficoltà, che si hanno per adattare una piuma a un progetto.
Cioè?
Intanto è difficile reperire le piume, perché pochissimi animali hanno piume adatte alla nostra lavorazione. Le nostre piume provengono dall’Africa e dagli Stati Uniti da animali destinati al macello. Sono tutte piume pregiate. Non usiamo piume di gallina, per intenderci.
Poi le piume si lavorano partendo dalla punta, che può essere lasciata così com’è oppure si può limare.

Come si tingono le piume? Come fate a ottenere tutti questi fantastici colori?
Noi collaboriamo con le ditte di Prato, che tingono la lana. I veri problemi nascono con le commesse per l’alta moda. In questi casi ci chiedono colori specifici. Il problema è che per le piume non c’è uno studio sui colori così preciso e puntuale come sulle lane e quindi dobbiamo essere bravi a soddisfare la richiesta di questi particolari clienti.

Tra i vostri accessori, quale è il vostro punto forte?
Il nostro punto forte sono i boa.
Ci può parlare di Nanà Firenze?
Nanà Firenze è il nostro brand collegato alla moda.
Nasce nel 2005 e prende il nome da mia nonna Natalina. Rappresenta l’espressione dell’esperienza e della creatività della ditta Mazzanti. Con questo brand produciamo esclusive collezioni di acconciature e accessori. Ogni  giorno vengono realizzati con cura cerchietti e acconciature in piuma e seta, le quali possono essere definite piccole opere d’arte, preziose e ricercate, le quali, consentono a chi le indossa di sentirsi libero di esprimersi.
Come è lavorare su commissione?
È un po’ strano. Noi lavoriamo comunque molto sul passaparola.
Ci chiamano anche dai musei, dove ci chiedono di rifare, ad esempio, i pennacchi in piuma delle divise storiche.

Per tutto il tempo che è durata la nostra chiacchierata in molti si sono fermati a chiedere informazioni, a comprare qualche cerchietto o anche solo a curiosare.
Tutti quanti sono stati invitati dal signor Maurizio nel suo atelier di produzione.
Io giro anche a voi l’invito.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.