Passa ai contenuti principali

Luigi Calvelli: sculture d'autore

Quando è cominciata la mia ricerca della creatività, io avevo ancora l’idea che le posate servissero solo ed unicamente per portare cibo alla bocca. Non immaginavo minimamente che potessero diventare qualcosa di diverso, meno che mai qualche cosa di artistico.
La prima scoperta fu che cucchiai e cucchiaini potessero diventare bellissimi e unici bijoux plasmati dalle abili mani di Teddy. E già la cosa aveva per me dell’incredibile.
Pensare, poi, che le posate potessero diventare vere e proprie sculture era per me inimmaginabile.

Inimmaginabile, dicevo, ma non del tutto impossibile. 
L’incontro con queste particolari sculture e con il loro artefice, Luigi Calvelli, è avvenuto a Via Margutta ad Area Contesa Arte ed è stato amore a prima vista.
Ringrazio il signor Calvelli per essere stato così disponibile a rispondere alle mie domande.

Da dove comincia la sua storia di artista?
Io ho cominciato quando ero ragazzo, mi è sempre piaciuto fare queste cose qui. Crescendo, poi, mi sono accorto che a me piace creare, ma non copiare. Un artista è prima di tutto un grande artigiano e poi è anche un artista.
Ha fatto degli studi particolari per affinare la sua arte?
No, io sono un autodidatta.

Come mai utilizza le posate per le sue opere?
Perché avevo quelle a disposizione.
Mi ricordo che a mia mamma prendevo sempre tre o quattro forchette per provare e sperimentare.
Anche perché io ho cominciato a lavorare il ferro, che a differenza delle posate, che sono composte con una lega, è molto più semplice da saldare. Una sera a cena trovai i cucchiai di legno, perché non c’erano più posate a disposizione.

Quale è il punto in comune tra plasmare il ferro e plasmare un oggetto che già ha una sua forma specifica?
In scultura c’è sempre bisogno di una base e di un progetto. 
Mi può descrivere cosa è secondo lei la creatività?
È la cosa più bella del mondo. Non c’è parola per descriverla. È come la felicità.
Io avrei voluto saper suonare la chitarra, ma non ero portato. Invece ho avuto la fortuna di avere un altro dono.

Le sue sono opere molto d’effetto.
Sono sempre stato dell’idea di voler creare qualche cosa di mio, di particolare.
Anche nella pittura io utilizzo stoffe, sassi e altri materiali, ma le mie opere non sono astratte. A me l’astratto non piace, non mi reputo ancora in grado di farlo. 
L’opera astratta deve sempre avere qualche cosa di particolare ed è molto difficile realizzarne una.
Quanto c’è di lei nelle sue opere?
C’è tutto.
Io le penso e le creo, poi sta agli altri giudicare. Io faccio arte, ma non mi intendo di arte. Chi parla di me sono le mie opere e io sono anche contento che possano parlare di me quando ancora sono vivo!

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.