Passa ai contenuti principali

Cristina Nisini: disegni dell'anima


Che io non sia minimamente in grado di disegnare ormai è cosa nota, così come è pure noto, che io sono affascinata da tutto ciò che per me è impossibile realizzare.

Immaginate, quindi, come mi sono sentita a settembre, quando nella stessa sala di Area Contesa Arte, mi sono ritrovata a tu per tu con Jean Pierre Jurahuac e Cristina Nisini.
Della particolarità dei disegni di Jean Pierre avete avuto modo di leggere qui, oggi invece vi racconto del mio incontro con Cristina Nisini.

Come inizia la tua storia di artista?
Io disegno da quando sono piccola. La mia passione per il disegno è continuata e ho frequentato il liceo artistico. Per qualche anno, però, ho smesso di disegnare, perché non riuscivo tecnicamente ad avere quello che io veramente volevo.
Poi ho incontrato un pittore che mi ha ispirato e piano piano ho ripreso a disegnare i ricordi delle mie vacanze,

e alcuni scorci di Vignanello.
Rispetto a Jean Pierre nei tuoi disegni c’è un tripudio di colori…
Sì, anche se io in realtà molti disegni li faccio in chiaroscuro, soprattutto i ritratti, che acquisiscono con il chiaroscuro un fascino senza tempo.

Però alcune immagini, come i paesaggi, richiedono il colore.

Quanto è difficile lavorare su commissione?
Tanto difficile. Tanto, perché le persone non sempre riescono a capire il lavoro, che sta dietro.
La gente è abituata ad avere tutto subito e spesso spende più per un cellulare che per un quadro. Non è abituata a dare il giusto valore alle cose fatte a mano.
Non è facile far diventare un lavoro quello che faccio io.



Quanto c’è di te nei tuoi lavori?
Tanto. Questi disegni sono scorci del mio paese ai quali sono molto affezionata, perché rappresentano anche i miei ricordi di bambina.

Poi ci sono i ritratti anni ‘20 e ‘30, dove esce fuori il mio animo vintage.

Mi è capitato anche di disegnare, per delle pubblicazioni, capitelli e bassorilievi.


Cristina Nisini, in questo mese di marzo, ha partecipato, sempre presso Area Contesa Arte, alla rassegna Foemina Io Nacqui e con questo disegno si è aggiudicata il premio del concorso legato alla mostra.


Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza. 

Mostra Personale Arte e Pensieri: Antonella Pintauro

"La pittura è il mio volo, ed io non posso smettere di volare."  L'attività artistica di Antonella Pintauro inizia in giovane età.  Da autodidatta, l'artista si avvicina a quadri e pennelli dipingendo il mondo intorno a lei: fiori, prati e colori . . . tanti colori, perché il colore è il vero protagonista comune in tutta la sua produzione artistica.  Un colore pastoso, corposo e al contempo leggero, dipinto con il pennello dalle ampie setole, mai pulito ma sempre mischiato con molti altri colori.  È proprio dall'insieme confuso degli elementi e dagli impasti irruenti ed estemporanei che sono nati i quadri più belli della sua produzione.  Un altro elemento che sicuramente caratterizza i suoi quadri è la spontaneità della creazione. Antonella, infatti, è prima d