Passa ai contenuti principali

Barbara Di Mauro e il Segreto di Vicolo delle Belle

L’ispirazione può arrivare da qualsiasi cosa e in qualsiasi momento.
Un profumo, un oggetto, una storia possono creare l’alchimia.
Pensieri, sensazioni, visioni, vengono dagli artisti trasformati in parole, in musica, in colori e forme. 
Cerco di farmi trovare pronta a cogliere e a raccontare ciò che per noi è bello e ciò che per noi stesse è fonte di ispirazione. 
Lo faccio non solo raccontando gli artisti e le loro storie, ma anche i luoghi dove li ho incontrati. 
Ogni incontro è una folgorazione e l’alchimia del luogo rende ogni incontro magico e unico.
Le persone che ho conosciuto, di cui ho parlato in questi anni, sono diventati, grazie ai social network, parte integrante di una grande famiglia.
Grazie proprio ai social network ho scoperto, che Barbara Di Mauro per la realizzazione di un suo quadro si era lasciata ispirare dalle parole e dalla storia di un romanzo, Il segreto di Vicolo delle Belle di Marika Campeti e che il quadro stesso era diventato la copertina del libro.
Il romanzo ha come protagonista Sarah, una ragazza in fuga dal passato, che proprio con il passato, però, sarà costretta a fare i conti. La malattia di sua nonna Sofia porterà Sarah a Terracina e la metterà sulle tracce di un doloroso segreto celato tra i vicoli antichi della città. Un segreto imprigionato lì dai giorni più cupi di Terracina, dal 4 settembre del 1943, quando la città fu bombardata e i destini di due donne si intrecciarono per sempre.
Io sono rimasta affascinata dall’idea che una storia possa essere racchiusa in una tela (in una tavola in questo caso) e che personaggi ed emozioni possano trovare una forma concreta e che possano diventare visibili e tangibili attraverso gli occhi di un’artista, Barbara di Mauro, che con la tecnica della pittura intuitiva vuole trasmettere emozioni.
Io ho chiesto a Barbara se voleva raccontarci la storia del suo quadro, di come era nata la sua ispirazione e in che modo avesse voluto raccontare e rappresentare la storia del libro.
Barbara è stata molto gentile e disponibile e mi ha raccontato così la sua ispirazione.
Marika mi ha chiesto di fare la copertina per il suo libro, ma io inizialmente non lo riuscivo a leggere, avevo un blocco.
Quando ho cominciato, però, sono rimasta intrappolata nella storia e l’ho finito in un giorno e mezzo.
La sera avevo la tela vuota ... e ho cominciato.
Dovevo trovare ispirazione dal muro, dovevo cominciare da lì, dal muro che mi ha visto crescere, perché quel luogo è il mio luogo, il luogo della mia infanzia.
L’ho reso antico, consumato.
Poi volevo gli occhi delle protagoniste.
Donne forti, con radici antiche.
Mentre il quadro veniva fuori, cercavo di trovare degli oggetti da toccare che potessero rappresentare il libro.
Così nella notte senza troppo pensare ho trovato la chiave,
il cristallo,
e la medaglia con l’immagine sacra.
Mentre il quadro prendeva forma, potevo toccare l’essenza del "segreto".
La finitura con la resina mi ha permesso di usare vetrini cristalli e specchi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza. 

Mostra Personale Arte e Pensieri: Antonella Pintauro

"La pittura è il mio volo, ed io non posso smettere di volare."  L'attività artistica di Antonella Pintauro inizia in giovane età.  Da autodidatta, l'artista si avvicina a quadri e pennelli dipingendo il mondo intorno a lei: fiori, prati e colori . . . tanti colori, perché il colore è il vero protagonista comune in tutta la sua produzione artistica.  Un colore pastoso, corposo e al contempo leggero, dipinto con il pennello dalle ampie setole, mai pulito ma sempre mischiato con molti altri colori.  È proprio dall'insieme confuso degli elementi e dagli impasti irruenti ed estemporanei che sono nati i quadri più belli della sua produzione.  Un altro elemento che sicuramente caratterizza i suoi quadri è la spontaneità della creazione. Antonella, infatti, è prima d