Passa ai contenuti principali

Notre-Dame de Paris. Fuoco che arde e che distrugge


1163, Parigi.
In pieno Medioevo vengono posate le prime pietre per la realizzazione di una immensa chiesa.
Lo stile è quello che nel nord della Francia sta prendendo piede in quel periodo: il gotico.
Tutto è proiettato verso il cielo, verso Dio.
Le colonne si slanciano, gli archi si allungano.
Dai pilastri si dipana un insieme di contrafforti che alleggeriscono le murature di riempimento, che rendono possibile l'ingresso della luce in un maggior numero di aperture ornate, poi, con vetrate artistiche che raccontano storie.


Sorge così Notre-Dame de Paris.
Una storia complicata quella che si dipana intorno a queste mura.
Tanta storia le è passata davanti, tanti secoli, tante conquiste, tante perdite, tante guerre.
I Gargoyle l'hanno sempre difesa bene, non c'è dubbio.


Notre Dame è stata non solo negli anni la culla della cristianità francese, ma anche fonte di ispirazione, forza creatrice.
Victor Hugo, Matisse, Jacques Louis David, Stein solo per citare alcuni artisti che hanno esaltato Notre Dame nelle loro opere.

Facciamo un viaggio nel tempo lungo, lunghissimo. Fissiamo, purtroppo, un'altra data che rimarrà sempre, inesorabilmente legata alla Cattedrale di Parigi e al mondo intero.

15 Aprile 2019


Brucia Notre Dame de Paris, brucia un pezzo di storia, brucia uno dei simboli di Parigi e della Francia.
E' difficile staccarsi dalle immagini che passano in televisione, sui social.
Brucia tutto. Brucia il tetto, crolla la guglia, crolla il tetto. Il fuoco sembra indomabile.
Si vede l'esterno ma non oso pensare cosa stia succedendo dentro.
Quasi un millennio di forza creativa dissolto con la forza del vento e delle fiamme.
Non pensavo che oggi, al mio risveglio, avrei visto ancora immagini di una Chiesa ancora in piedi, ferita, sì, ma non completamente distrutta. Eppure, per fortuna, così è stato.
Ora la spinta creativa porta a ricostruire, a ridare una Cattedrale a Parigi.
Non sarà mai come quella che è bruciata, ma avrà nella nuova impronta il ricordo di quelle alte fiamme che l'hanno avvolta.


Commenti

  1. Secondo me riescono a ricostruire in fretta e anche piuttosto bene!
    Però, certo, un colpo al cuore per tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa, a questo punto, di sapere come la ricostruiranno.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.