Passa ai contenuti principali

Alla scoperta di Roma Incontra il Mondo


Io a "Roma Incontra il Mondo" sono stata letteralmente trascinata da mio figlio e dalla sua nuova passione per l'Oriente.
Mi sono lasciata contagiare dal suo entusiasmo e, prima di imbarcarmi in questa avventura ho cominciato un po' a informarmi e a documentarmi.
Il nostro viaggio inizia la mattina e la nostra meta è la Fiera di Roma.

Il festival è spaziale! Il più grande festival d'Europa dedicato a musica, cultura, gastronomia e folklore.
Un giro del mondo ad elevata velocità dove, a farla da padrone, ad avere tantissimo spazio e tantissimi eventi in programma c'è l'Oriente.
Ed è lì che andiamo.
Abbiamo varcato la porta del padiglione e siamo entrati in una nuova dimensione.
Il profumo d'incenso ci ha investiti appena entrati, intenso, avvolgente, che quasi ci stordisce.
Piano, con calma, abbiamo cominciato a scoprire questo fantastico mondo.
Giusto una rapida ricognizione per capire dove eravamo finiti prima di soffermarci a gustare con tutti i sensi a nostra disposizione lo spettacolo che prendeva vita davanti ai nostri occhi.

Così abbiamo incontrato un Drago.


Il drago ricopre un ruolo fondamentale nella mitologia cinese in particolare e nei miti dell'Asia orientale in generale.
Il dragone è un animale colossale avente corpo di serpente, quattro zampe di pollo, testa di coccodrillo, baffi simili a quelli di un pesce gatto, criniera e corna di cervo.
E' stato per lungo tempo simbolo di buon auspicio perché rappresenta l'incarnazione del concetto di Yang, il bene/spirito-fecondo, associato all'acqua.
Il drago era inoltre simbolo dell'Ime e si riteneva che al momento della morte, l'imperatore stesso rivelasse la sua vera natura di drago.
I dragoni cinesi si riproducono fecondando una perla, essenza del loro spirito.
Abbiamo ammirato le armature dei guerrieri samurai.


E scoperto la storia dei 47 guerrieri Ronin che nella seconda metà del '600 si tolsero la vita tramite il peppuku.


La storia di questi guerrieri è il più alto esempio di fedeltà, onore e sacrificio cui erano votati i  più grandi guerrieri del Giappone, i Samurai.
Poi gli spettacoli, fantastici.
L'arte dell'origami.


La danza.



Le percussioni.


E anche il pranzo, devo dire, è stato una scoperta di odori e di sapori.
Già, perché, abbiamo rinunciato alle bistecche che stavano cuocendo fuori dai padiglioni e abbiamo preferito mangiare accanto alla riproduzione di un giardino Zen non proprio pietanze che stanno tutti i giorni sulla nostra tavola.


Il nostro viaggio è continuato anche dopo pranzo. ormai eravamo partiti, eravamo distanti e non potevamo tornare senza prima aver concluso il giro del mondo.

Siamo andati a trovare i Nativi Americani


Siamo stati in Irlanda.


E infine That's America ci ha accolto con un combattimento di Wrestling.


Sono state le altre nostre mete prima di prendere il treno che ci ha riportati a casa.
Di altro, che riguarda questo festival vi devo parlare, ma non qui, non ora. Vi do appuntamento per le prossime due settimane per parlare ancora di arte e cultura orientali.

Ho scoperto al Festival dell'Oriente





Commenti

  1. Ma che bello questo festival!
    Ti credo che vi siete divertiti!
    Ma ci sono proprio stand di tutto il mondo?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.