Passa ai contenuti principali

La cucina del buon gusto. Un viaggio tematico intorno al cibo e all'arte contemporanea.

Cosa succede se uniamo due ingredienti, l'arte e la gastronomia?Avviene che un mix apparentemente azzardato sia in realtà un affascinante viaggio tematico intorno al cibo e all'arte contemporanea.
A ideare questo viaggio la curatrice Tiziana Monoscalco, artista poliedrica che utilizza nelle sue opere plastica, materiali cartacei, metalli, vegetali, seta lavata, lino, juta e stoffa.
Il viaggio inizierà mercoledì 23 ottobre alle ore 19 e finirà il 7 novembre.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
E' un viaggio particolare, come vi ho già detto, un viaggio di scoperta e di incontro che si svolgerà nel centro storico di Roma,  a 50 metri dal Colosseo e di fronte al Ludus Magnus, la palestra dove i gladiatori si allenavano prima dei combattimenti all'interno del Colosseo nel Pizza Forum Restaurant.
Ho chiesto a Tiziana qualche informazione in più su questa mostra e la ringrazio per il tempo che mi ha dedicato

Come mai un ristorante come luogo fisico per una mostra?
Ho già esposto mie opere e collaborato con questo ristorante i cui proprietari sono sempre ben disponibili a organizzare eventi d'arte. L'idea di unire cibo e arte contemporanea è la loro. Infatti ci sarà la possibilità di fare, per l'occasione, unincontro di degustazione.
L'immagine può contenere: testo

Chi parteciperà a questa collettiva?
Parteciperanno Silvano Debernardi, Vittoria Baldieri, Vincenzino Illiano, Paola Latrofa, Maura Del Monaco,ed io.
All'evento parteciperà anche Steven James Vittoni con una sua personale.

Ci dobbiamo aspettare qualche evento correlato a questa mostra?
Questa mostra partecipa al Rome Art Week. Inoltre sto lavorando ad altri due eventi legati a questa mostra, ma ci sto ancora lavorando su... Nel frattempo vi do appuntamento a Roma mercoledì 23 ottobre alle ore 19.30 in Via di San Giovanni in Laterano, 34/36/38 

Commenti

Post popolari in questo blog

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.

KLAW. Estote Parati.

Oggi vi voglio raccontare di un giovane cantante e della sua musica.
Klaw (Alberto Amenta), ventiduenne catanese, ha pubblicato il 3 maggio il suo terzo album  "Estote Parati". L'uscita dell'album è stata anticipata dal singolo “Evviva l’Italia”, un brano di denuncia sull'attualità italiana.


E sta già lavorando per le riprese del brano "902.
Estote Parati è un concept album, strutturato, attraverso le canzoni che lo compongono, come un percorso ben preciso, con il profondo bisogno di far uscire fuori le emozioni per inciderle per sempre. La musica è immortale, è per sempre e questa è la sua forza e la sua magia. Per Klaw fare musica vuol dire "vedi che esisto o comunque sono esistito anche io, e sono/ero questo qui, per lasciare una impronta".
E io il disco (sono della generazione dei vinili, passatemi il termine!) l'ho ascoltato, più volte e devo dire che mi ha colpito.
Nel disco, dopo i primi due brani di "apertura", è presente una …