Passa ai contenuti principali

In viaggio tra le note di Los Soneros Road


Oggi voglio fare un viaggio. Anzi, meglio, vi voglio portare a fare un viaggio insieme a me. Un viaggio che ci porta lontano.
Beh in realtà non è che ci porta veramente tanto lontano. Non vi faccio prendere treni, aerei o navi.
Il nostro mezzo di locomozione sono le note musicali e la strada da percorrere il pentagramma.
Voi mi direte: "le note sono pur sempre 7 sono pochine per fare un viaggio lungo...tutt'al più riusciamo a scendere in strada".
E' vero, le note sono 7 ma la musica che può essere composta con sole 7 note è incredibilmente tanta!

Ancora non ci credete?
Allora vi presento Carlos Julio, musicista e cantante venezuelano del world music duo Los Soneros Road che ci porterà alla scoperta della musica caraibica.
Prima di farmi raccontare da lui un po' di lui e sulle sonorità che escono dalla sua chitarra, vi faccio sentire un brano dei Los Soneros Road che ho ascoltato durante la scrittura di questo post.



Come comincia la vostra storia? 
Ci siamo conosciuti nel 1999.Inizialmente eravamo un gruppo formato da un pianista capoverdiano, Adao Ramos, un percussionista brasiliano, Flaviño Vargas ldo Santos, un bassista senegalese, Papi Tal. Con loro abbiamo anche registrazioni dell' epoca. Il nostro era un sound  afro-caraibico.
Hanno fatto parte del gruppoLos SONEROS road, in questi venti anni, molti componenti. A tutt'oggi  e rimasto un gruppo di musica latina. Suoniamo Salsa Venezuelana, Colombiana e Cubana.
Dei vecchi componenti sono rimasto solo. Con Laurent Digbeu oggi facciamo in duo  world music oltre latin reggae blues e altri brani.

Quando vi siete conosciuti?
Io e Laurent ci siamo conosciuti in un spettacolo a l' Isola Tiberina nel 1999 durante una manifestazione dell'Estate Romana.

Quale è il vostro stile musicale di riferimento?
Il nostro sound e multi etnico. Tutti i brani che facciamo sono interpretati con un nostro feeling e con un ritmo che viene dai nostri paesi di origine: Venezuela e Costa d'Avorio. E' un affiatamento  musicale lungo 20 anni e fatto di serate e musica in giro per l'Italia: due chitarre, due voci, un'armonica.

Cosa vi unisce?
Ci unisce la libertà di interpreta la musica e i brani ogni volta in un  modo diverso.
Una serata non è mai identica a un altra, cambia a seconda del nostro stato d'animo.

Dove possiamo venirvi ad ascoltare?
Sabato saremo a via di San Giovanni in Laterano. Suoneremo al Pizza Forum. l'evento è organizzato dalla curatrice della mostra collettiva, Tiziana Monoscalco  ospitata attualmente all'interno di Pizza Forum.
Domenica saremo, poi al Parioli Theatre club, mentre l'11 dicembre suoneremo in trio al
al Meeting in Piazza Bologna con l'aggiunta di un sax.
Se puoi vienici a trovare.
Hasta luego, Barbara!

Commenti

Post popolari in questo blog

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…