Passa ai contenuti principali

Achille Lauro - Me ne frego

https://biografieonline.it/foto-achille-lauro-rapper
La mia quotidiana ricerca della creatività è andata in tilt quando, la settimana scorsa, Achille Lauro è salito sul palco del Festival di Sanremo.
Sì ho scritto bene, è proprio andata in tilt. Questo ragazzo, questa rock star (come è stato definito da qualcuno) mi ha fatto passare nel giro di 15 minuti dal crederlo che un folle al considerarlo un genio. Nel mezzo ho anche pensato "ma chi si crede di essere"... ma andiamo con ordine.
Vi avevo già raccontato che io il Festival di Sanremo l'ho visto, con comodo, tramite il canale Youtube di Rai Play.
Ebbene, suppongo sappiate anche che Youtube una volta finito il video che hai selezionato te ne fa vedere un altro pescato non so bene con quale logica.
E' così che io mi sono ritrovata a vedere il video della prima esibizione di Achille Lauro e, come ho già detto, a momenti casco giù dalla sedia!
Già perché la mia prima reazione è stata "ma che si è impazzito?"

E penso che questa sia anche una reazione piuttosto normale in una quarantatreenne che fino allo scorso anno non sapeva neanche chi fosse questo cantante.
Dico quarantatreenne perché in realtà ho parlato con ragazzi molto più giovani e senza sovrastrutture derivate anche dall'età e per loro il messaggio è stato più immediato.
Io invece ho dovuto, e voluto, rivedere il video un'altra volta.
E al secondo tentativo ho pensato "ma chi si crede di essere...senza per altro averne la voce?".
Poi però ho pensato che una chiave di lettura in quello che stavo vedendo doveva pur esserci. Così ho rivisto, per la terza volta consecutiva il video, ho sentito le parole della canzone, ho visto come si stava divertendo lui e allora ho pensato "questo qui è un genio!"
Gli altri tre giorni mi sono goduta lo spettacolo.
Già perché di spettacolo si è trattato. Quattro giorni, quattro personaggi, tre letture dello stesso brano più una cover.
Ci vuole coraggio e ci vuole talento. Non tanto il coraggio ti togliersi il manto dell'ipocrisia la prima sera, quanto quello di indossare i panni di Ziggy Stardust, l'alter ego del Duca Bianco.
Già perché il messaggio arriva, se arriva, solo a chi ha una certa età e conosce David Bowie. Il dubbio che il messaggio sia arrivato è dato dal fatto che la maggior parte delle persone si sia fermata al "ma che è impazzito?" o peggio "ma come gli hanno potuto permettere una cosa del genere?" (come se fosse normale che la musica, il teatro e più in generale l'arte debba subire la mannaia della censura).
Ziggy è una figura edonistica e selvaggia con un messaggio centrale di pace e amore e Achille Lauro la abbina a una canzone di Mia Martini strepitosa. L'accostamento è geniale!


Nelle ultime due sere ha portato inscena due grandi donne: la Divina Marchesa Luisa Casati Stampa,
musa ispiratrice dei più grandi artisti della sua epoca. Grande mecenate, performer prima della performing art e opera d’arte vivente ed Elisabetta I sposa della patria, del popolo, dell’arte e difensore della libertà.  Il tutto senza scadere nella volgarità.


E questo non solo perché i vestiti sono uno spettacolo e sono tutti firmati Gucci, ma per la bravura e la presenza scenica di chi li ha indossati.


In questi giorni ho letto tanti commenti fatti sui social dopo le esibizioni di Achille Lauro, veramente la gente ha scritto di tutto e in alcuni casi è uscita fuori il peggio del peggio e io non riesco a capacitarmene.
Sono giorni che casa mia è piena della sua musica e delle sue canzoni e ora aspetto l'uscita dell'album, perché io sono anziana, non riesco a concepire la possibilità di comprare la musica da internet.
Non compro un cd non so più da quanti anni e vi dirò di più, mi piacerebbe anche andare a vedere un suo concerto (se solo avessi ancora 20 anni!)... anche solo per questo Achille Lauro ha vinto la sua sfida.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.