Passa ai contenuti principali

La pittura senza limiti di Chiara Magni

Come artista credo di avere il compito di rendere la nostra società migliore, 
o almeno un po' più colorata!
(Chiara Magni)
Con le tele di Chiara Magni è stato per me amore a prima vista. 
Il nostro è stato un incontro social assolutamente incredibile! Già perché gli incontri non devono per forza essere di carne ed ossa per trovare affinità. Soprattutto quando a mediare ci sono immagini e colori belli, vivi e pieni.
La possibilità, poi, di poter scoprire di più di questa artista e poterle fare qualche domanda è stata la ciliegina sulla torta che ha reso unico questo incontro.

Come e quando nasce la passione?
La mia passione nasce con me, non posso immaginare un momento della mia vita dove questa passione non sia stata presente, con più o meno forza ma sempre presente.
Quali sono i passaggi fondamentali della tua evoluzione artistica?
Sin da piccola ho sempre avuto questa “cosa” vogliamo chiamarla passione, spinta, ispirazione, talento… non so… so solo che è sempre stata una parte fondamentale della mia vita. Ci sono stati momenti specialmente da piccola dove l’ho proprio assecondata e dove ho dato pieno sfogo alla cosa, poi crescendo è successo qualcosa che mi ha demoralizzata, per qualche motivo contorto mi sono trovata e tentare di reprimere il tutto e a negare quella che era la mia vera indole.
Sfortunatamente il liceo artistico non ha aiutato, ho fatto un solo anno perchè ho capito che ne stavo uscendo più confusa che mai e le abilità innate che avevo stavano svanendo così come la fiducia in me stessa. E' stato un periodo un po' strano, diamo la colpa all'adolescenza che è più facile :)
Così ho fatto qualche anno tentando di convincermi che non era la mia strada e che non ero portata che non si vive di arte etc etc ….. sfortunatamente questo periodo è durato qualche anno… fino al punto un cui mi sono trovata a non poter più mentire a me stessa e ho deciso che non aveva alcun senso continuare a reprimere una cosa così importante, ho preso un rischio non indifferente e ho deciso di assecondare e di sviluppare al massimo la mia passione artistica e di farla diventare la mia professione. Era il 2012.
Non è stato per niente facile, c’erano ancora tante paure nella mia testa, tante insicurezza, la paura della concorrenza …. ma sola una cosa era certa: che non potevo mollare. Ho passato degli anni molto duri, ma alla fine tutti i mie sforzi sono stati ripagati, ora vivo della mia arte e ho collezionisti in tutto il mondo.

Cosa è il finger painting e come ti trovi a dipingere con le dita?

Finger painting significa appunto pittura con le dita, si usano le dita al posto di spatole o pennelli per creare il quadro.
E’ una tecnica piuttosto nuova nel campo dell’arte fatta da adulti, e non è molto diffusa, ma è davvero unica.
Mi permette di essere in pieno contatto e controllo del colore, mi permette di aggiungere tanta texture e tridimensionalità alla tela, i colori si possono applicare puri senza diluirli così da mantenerli molto brillanti.
E’ più difficile delle tecniche classiche come il pennello perché richiede una manualità e un controllo diversi e a volte anche superiori. Diciamo che si rischia spesso di fare un bel risotto di colori se non si sta attenti e se non si usa un po' di calma. Errore che all’inizio ho fatto fin troppe volte, presa dall'entusiasmo.

Creativi si nasce o si diventa? Cos’è per te la creatività?
Secondo me ci si nasce però è una cosa che va assolutamente coltivata e tenuta viva.

Quale tra i tuoi quadri ti rappresenta maggiormente?

E’ difficile sceglierne uno, probabilmente tutta la serie di donne sott’acqua.
Se potessi scegliere, dove vorresti esporre e perché e in quale periodo dell'anno?
Negli Stati Uniti perché è lì che o la maggior parte dei miei collezionisti.
In estate sicuramente perchè il freddo mi rincoglionisce…. si può dire?

Quanto il territorio in cui vivi influisce sulla tua arte?
Io vivo sul Lago di Garda che adoro! Perciò sicuramente gli splendidi paesaggi che sono abituata a vedere fin da piccola hanno sicuramente un qualche ascendente sulla mia arte.
Quali sono i tuoi colori della creatività?
Il blu e il turchese e tutte le sfumature di essi, infatti mi devo sforzare ed imporre di usare anche altri colori, fosse per me farei tutto blu!!

Se volete seguire Chiara Magni sui canali social la potete trovare qui
www.chiaramagni.com
www.facebook.com/chimfineart
www.instagram.com/chimfineart

Commenti

Post popolari in questo blog

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…