Passa ai contenuti principali

Halloween e le zucche intagliate

C'era una volta in un piccolo paesino irlandese un tizio di nome Jack. Jack era un agricoltore molto avaro e amava tormentare il prossimo e fare terribili scherzi. 

Si narra che riuscì addirittura a imbrogliare il diavolo in persona, costringendolo a rifugiarsi sopra un albero. 

Per non farlo scendere, Jack incise sul tronco una croce, e cominciò a mercanteggiare con Lucifero. Dopo lunghe trattative, si giunse ad un compromesso: il diavolo avrebbe salvato Jack dall’inferno e lui, in cambio, gli avrebbe permesso di scendere dalla pianta. 

Sicuro di rimanere impunito, il furbo Jack cominciò a combinarne di tutti i colori, commise molti peccati, certo che Lucifero lo avrebbe salvato. Purtroppo per lui, la parola di Lucifero si rivelò infondata e il nostro Jack non venne perdonato, né ammesso in Paradiso. 

Costretto a vagare sulla terra senza riposo, decise di svuotare e intagliare una zucca e di metterci una candela dentro per farne una lanterna da usare nelle notti tenebrose. 

La notte di All hallows Eve, la notte dei morti da cui deriva il nome Halloween, si racconta che quest’anima senza pace se ne va in giro, con la sua lanterna, in cerca di un rifugio e così, in ogni abitazione, le persone appendono una zucca illuminata e intagliata dall’aspetto spaventoso per tenere lontana l’anima.  

Vi starete chiedendo cosa centra Jack con la mia ricerca della creatività.

Bene, saggia curiosità!

Allora ve la faccio io una domanda.

Avete mai cercato su Instagram o su Pinterest immagini di zucche intagliate?

Io ho provato qualche giorno fa e mi si è aperto un mondo di arte e di creatività e oggi vi viglio raccontare cosa ho scoperto.

Prima di tutto ho scoperto che Jack O' Lantern può avere un sacco di espressioni, dalla più spaventosa alla più divertente.

Sta solo allo spirito e alla fantasia di chi intaglia decidere quale sia la più appropriata.


Ho scoperto anche che, oltre a essere intagliate, le zucche possono essere scolpite e possono diventare dei fantastico bassorilievi


Quella dell'intagliare le zucche rimane una delle attività autunnali più sporchevoli e divertenti. Un modo per riunire tutta la famiglia in torno a un tavolo e un modo per coltivare insieme la creatività.


Se state pensando che è una operazione impossibile sappiate che queste zucche le ho intagliate io e ho trovato per voi un bellissimo tutorial




Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg

L'arte di Anton Cipollone

Le Facoltà di Architettura sono spesso luoghi di sperimentazione artistica; luoghi in cui le ispirazioni prendono forma. Se poi uno studente di Architettura, artista, si ritrova immerso nell'atmosfera del Faenas Cafè di Roma, in zona Portuense il mix è esplosivo! Ho ospitato qui sul blog i lavori di Anton Cipollone e sono contenta di potergli dedicare un intero articolo perché a me i suoi dipinti piacciono tutti! Lo ringrazio per aver risposto alle mie domande. Che cosa è per lei l’arte? Non è semplice rispondere. L'arte per me è un'urgenza. Quali sono stati i passaggi fondamentali della sua evoluzione artistica? L'unico passaggio fondamentale è il giorno in cui ho iniziato. Quale è il colore predominante nei suoi dipinti e perché? Ultimamente predomina il rosa ma non saprei spiegarne il motivo. Quale è il sogno sogno nel cassetto? Dove vorrebbe vedere esposta una sua opera? Vorrei vederla esposta in una chiesa sconsacrata. Che cosa vuol dire per lei essere creativi? Es