Passa ai contenuti principali

L'incontro con l'arteterapia



ArteA si occupa della divulgazione dell'arteterapia nelle sue applicazioni in ambito socio sanitario.
Arteterapia? Di cosa sto parlando? Che cosa è?
Intanto cominciamo dal principio, dalla definizione del vocabolario:
arteterapia
[ar-te-te-ra-pì-a]
s.f.
MED Terapia volta a stimolare le capacità comunicative del paziente, liberandone la creatività artistica.

L'arteterapia, ho scoperto, è una metodologia che usa i materiali propri della creatività con finalità preventive, riabilitative e terapeutiche. L'attenzione, nell'arteterapia non è rivolta all'interpretazione dell'opera, ma alla decodifica del linguaggio dell'opera d'arte come specchio delle vicende interne di chi l'ha realizzata.

L'associazione ArteA (Arte Terapeuti Associati) dal 1996 promuove la formazione di arteterapeuti e avvia Atelier di arteterapia.

In particolare si occupa della divulgazione dell'arteterapia con attività di ricerca e di divulgazione finalizzate alla validazione di questa disciplina.

L'associazione era presente ad Abilmente con una conferenza e alcuni workshop esperenziali sulle qualità psicologiche, curative e introspettive insite nei materiali e nelle tecniche artistiche. Non tutti i materiali sono uguali. Ogni materiale ha un proprio carattere e questo fa sì che ogni individuo reagisca in modo differente a seconda del materiale messo a sua disposizione. L'obiettivo principale dell'esperienza di atelier è quello di individuare quale sia il materiale più idoneo per l'espressione artistica della persona in un preciso momento del percorso terapeutico.

Io sono uscita da questo incontro con la consapevolezza che tutto ciò che esce dalle nostre mani sia indissolubilmente legato a noi stessi, a come siamo, a quello che proviamo nel momento in cui scegliamo il progetto da realizzare, scegliamo i materiali, scegliamo l'angolo della casa nel quale lavorare. Siamo noi stessi che rendiamo unico e irripetibile il nostro lavoro.

Commenti

  1. Altra bella scoperta di quell'edizione ...

    RispondiElimina
  2. Hai ragione Federica! Forse questa è stata l'edizione più bella di Abilmente che sono riuscita a vedere!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza. 

Mostra Personale Arte e Pensieri: Antonella Pintauro

"La pittura è il mio volo, ed io non posso smettere di volare."  L'attività artistica di Antonella Pintauro inizia in giovane età.  Da autodidatta, l'artista si avvicina a quadri e pennelli dipingendo il mondo intorno a lei: fiori, prati e colori . . . tanti colori, perché il colore è il vero protagonista comune in tutta la sua produzione artistica.  Un colore pastoso, corposo e al contempo leggero, dipinto con il pennello dalle ampie setole, mai pulito ma sempre mischiato con molti altri colori.  È proprio dall'insieme confuso degli elementi e dagli impasti irruenti ed estemporanei che sono nati i quadri più belli della sua produzione.  Un altro elemento che sicuramente caratterizza i suoi quadri è la spontaneità della creazione. Antonella, infatti, è prima d