Passa ai contenuti principali

Teatro delle marionette vietnamite al Festival dell'Oriente


A me il teatro piace molto. Mi piace l'odore della sala, mi piace l'atmosfera, mi piacciono le luci. Rimango, da sempre, da quando i miei genitori mi portavano a vedere il teatro delle marionette, affascinata dai meccanismi che che sono dietro a una rappresentazione teatrale e che sono spesso nascosti.
Con questa premessa, al Festival dell'Oriente, non potevo che segnarmi l'orario dell'inizio dello spettacolo delle marionette vietnamite per poter essere pronta, in prima fila.

Quella del teatro delle marionette sull'acqua è un'antica arte che fino a mezzo secolo fa era praticamente sconosciuta fuori dal Vietnam del nord.
Una tradizione millenaria che fu inventata dai contadini che lavoravano nelle risaie nei pressi del delta del Fiume Rosso.
Le prime rappresentazioni si svolgevano negli specchi d'acqua dei villaggi, utilizzati dagli abitanti del posto perché alternativa messa a disposizione dalla natura a un palcoscenico più tradizionale.
I vietnamiti hanno un rapporto particolare con l'acqua e può darsi che, soprattutto nelle campagne, fossero più i giorni che rimanevano sommersi per la troppa pioggia che altri.

Le marionette sono fatte di legno e poi laccate e sono sostenute, sotto l'acqua, da una grande asta di bambù che i burattinai manovrano rimanendo nascosti dietro un paravento di bambù.
L'acqua che fa da palcoscenico viene resa appositamente torbida per non far vedere il sistema di meccanismi che sta sotto e sembra davvero che le marionette camminino sull'acqua.


L'intero spettacolo è accompagnato da musica e voce dal vivo.
Essendo il Vietnam un luogo ricco sdi leggende, le scene di vita quotidiana sono spesso affiancate dall'apparizione di draghi e creature fantastiche.
Naturalmente noi non potevamo mancare alla rappresentazione del teatro vietnamita al Festival dell'Oriente.
Siamo appositamente arrivati prima per gustarci appieno lo spettacolo.
A me sarebbe piaciuto anche capire un poco della storia, ma ahimè questo non è stato possibile.
A parte questo lo spettacolo è stato molto suggestivo. Io mi sono anche lanciata nella preparazione di un video per farvi vedere le parti più salienti della rappresentazione...


Commenti

  1. Ma che robaaaaaa!
    È proprio vero che il mondo è pieno di scoperte assolutamente inaspettate!
    A volte dietro casa.
    Mi piace lo stile che ha preso il nuovo blog.... Creatività a 360 gradi!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  2. Una figata pazzesca! Grazie Federica 😉

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg

Appuntamenti Creativi (on line): le visite guidate (virtuali) di MuseumTribe

"Io per questa sera ho prenotato la visita guidata al Ghetto di Roma, volete partecipare anche voi?"   Dissi io il 16 ottobre a mio marito e mio figlio. "Ma come! Dove! Ma che fai vai in mezzo alla gente in tempo di Pandemia?!"   Risposero loro in coro! Già, anche di questi tempi di si può partecipare a tour e visite guidate in giro per l'Italia e si possono apprezzare opere d'arte e scorci meravigliosi delle nostre città, basta che tutto sia fatto in sicurezza e attualmente non trovo modo più sicuro se non quello di partecipare a visite guidate virtuali.  Così, cercando il modo di andare in giro virtualmente ho scoperto dell'esistenza del Museum Tribe e dei fantastici tour che organizza.