Passa ai contenuti principali

Movimento per l'emancipazione della poesia



Succede, non spesso, ma qualche volta accade, che la creatività ti venga a bussare al portone di casa.
Anzi, per dirla meglio, succede che esci di casa e ti ritrovi sul muro davanti al portone ti ritrovi attaccati dei fogli di formato A4 con su delle scritte.
Ecco a questo punto, a meno che tu non abbia una vista impeccabile (e non è il mio caso) ti devi avvicinare per leggere. ti avvicini pensando che sia un appello accorato per un gatto che si è perso e invece ti ritrovi davanti a una delle espressioni più belle della creatività: una poesia!
La leggi e pensi che non ci sia modo migliore per cominciare la giornata.
Poi ti chiedi che caspita sia il Movimento per l'Emancipazione della Poesia e allora non ti rimane che sfoderare lo smartfone e metterti a cercare.

Il Movimento per l’Emancipazione della Poesia è un movimento apartitico di azione politica e sociale che si propone quale rete alternativa di creazione e diffusione di poesia contemporanea. 


Nasce dalle contraddizioni riscontrate nell’attuale società, consumistica e disattenta, e con pratiche diverse si adopera per risolverle. 
Il Movimento si struttura come un discorso in divenire basato sull’apporto attivo e continuo di una moltitudine eterogenea di militanti. 
Lo scopo di questo Movimento è creare uno spazio di incontro e dialogo con la poesia. 
Il luogo d'incontro e il primo luogo di pubblicazione è la strada.
Ma perché, vi starete chiedendo voi (come del resto mi sono chiesta anche io), scegliere proprio di diffondere poesia?
Perché la poesia, in genere viene letta poco. Si scrive ma non si legge o per lo meno si tende a scegliere letture facili e poco impegnative. 
Leggere poesia vuol dire essere concentrati nel cercare il messaggio che è dietro alle parole che compongono i versi.
Ecco che allora la poesia viene letta poco ed ecco perché nasce e si sviluppa il Movimento per l'Emancipazione della Poesia.
Il Movimento si propone di restituire alla poesia il ruolo egemone che le compete sulle altre arti e al contempo di non lasciarla esclusivo appannaggio di una ristretta élite, ma di riportarla alle persone, per le strade e nelle piazze cercando, dove possibile, di fare perno sulla proprietà intrinseca della parola scritta per la quale risulta impossibile per chiunque getti su di essa lo sguardo non leggerla, in quanto la parola si fa leggere e decodificare nel momento stesso in cui viene vista.
Così è stato anche per me che mi sono fermata a leggere la prima poesia che ho trovato e che poi o continuato a cercare per il quartiere altre poesie, altre tracce del passaggio del Movimento per l'Emancipazione della Poesia e sono stata contenta di trovarne ancora traccia.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.