Passa ai contenuti principali

Abilmente Roma - edizione autunno 2017


Tornare ad Abilmente è sempre bello, emozionante e coinvolgente. È un modo per ricaricarsi, per ritrovare amici creativi e per incontrarne di nuovi.
Questa edizione, poi, si è dimostrata fin da subito particolarmente invitante: tantissimi spunti creativi e tante tecniche che non conoscevo. Insomma è valsa la pena dedicare un pomeriggio ad Abilmente, dove sono andata con una borsa riempita con un bel quaderno, con la macchina fotografica, con tante penne e un bel po’ di curiosità.

Il viaggio di avvicinamento è stato piacevole, perché mi sono ben presto ritrovata circondata da signore entusiaste e da mariti rassegnati (io, il mio, l’ho lasciato a casa per precauzione …).
Un bel respiro prima di entrare e via … un bel tuffo dentro il mondo della creatività.
L’unico mio rammarico è stato quello di non aver potuto incontrare personalmente i DAMSS, cosa che mi avrebbe fatto un sacco piacere, in compenso, però, ho potuto ammirare la loro opera Roma 3000, che definire fantastica è veramente riduttivo!
Di Milano 3000 avevo già letto il post da Federica  e io avevo proprio voglia di catapultarmi dentro la loro seconda città del futuro, un grande pannello di 42 metri quadrati realizzato interamente con ritagli di tessuto.
La fervida immaginazione di Marco e Daniela ci porta in un mondo futuro e non ho potuto fare a meno di chiedermi come sarà la mia Roma fra 983 anni. Non è una bella domanda?
Loro l’hanno immaginata trasportata da immaginarie astronavi nel deserto di un pianeta lontano.
Un’opera grandiosa: 180 metri quadrati di tessuto e 9 mesi di lavoro per un totale di oltre 4000 ore. Da perdercisi dentro!



Troppo poco spazio, purtroppo, per fare una foto decente e per poter gustare appieno l’opera, mannaggia!
Si sa, le fiere sono caotiche, ma forse anche in questo sta il loro fascino.
Un incontro, però, c’è stato. Quello con Corinna Farchi e le ragazze de Sul Filo dell’Arte che hanno un corner coloratissimo.
Purtroppo a me non è toccato vedere, come a Federica a Vicenza, la loro versione di Guernica, ma anche l’istallazione di telai di biciclette è stata veramente particolare.
Corinna, come sempre gentilissima e cordialissima, mi ha spiegato come è stata realizzata e mi ha parlato dei progetti dell’associazione.
Naturalmente non ho rinunciato alla foto di rito … con le ali, grazie alle quali ho spiccato davvero il volo nella creatività.

Sono rimasta a gironzolare in fiera fino al crepuscolo, quando il treno mi ha riportato a casa.
Nel breve spazio di un pomeriggio ho fatto il pieno di idee, di spunti e materiali creativi, ma anche di storie, che vi racconterò nelle prossime settimane.



Ho incontrato ad Abilmente



Ho visitato la mostra


















Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella, è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cresciuta la signora Su…

Le piccole opere uniche di Andrea Cadoni

Cercare di scoprire l’essenza di un artigiano senza indagare sulle sue origini, senza conoscere i luoghi in cui ha vissuto e quale è stato il suo percorso formativo è un po’ come saltare una parte di storia e andare a leggere solo il finale, è come leggere l’ultima parte del romanzo senza leggerne la prima. Lo so, alle volte capita, soprattutto se si intravede un finale fantastico, lo abbiamo fatto tutti, è inutile nasconderci dietro un dito.

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.